Rif.

06 settembre 2005

Rif.




24 luglio 2005

Rif.

prof. un mio familiare ha avuto un intervento alla fistola ad un'arteria vicino al midollo L1 dopo che con l'angiografia rimase bloccato, il midollo è stato trovato malacico però dopo la clippatura della fistola la risonanza era negativa con reflusso del sangue, ora fa fisioterapia ma ha ipertono e formicolio su caviglia e piede sinistro dove aveva problemi prima dell'intervento e le gambe le sente dure, inoltre non ha lo stimolo sui muscoli dell'ano e urina e usa cateterini, l'intervento tecnicamente hanno detto che è andato bene a inizio Aprile, ci sono cure riabilitative su digestione e urina? In attesa di una risposta le porgo distinti saluti. In quale struttura opera a Milano e se può darmi un suo indirizzo grazie!

Risposta del 06 settembre 2005

Risposta a cura di:
Dott. GIOVANNI MIGLIACCIO


Le regole di questo sito non consentono di pubbicizzare la propria persona nè la Struttura, anche se pubblica, dove si opera.
Mi par di capire che il Suo famigliare è stato operato in un primo tempo con cateterismo per embolizzare una malformazione artero-venosa a livello midollare non riuscito (succede) e in un secondo tempo mediante intervento "a cielo aperto", questa volta con piena rimozione o esclusione della malformazione. Non ho capito quando gli attuali deficit sono comparsi e/o se si sono aggravati dopo uno dei due interventi.
Mi faccia sapere. Cordialità

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)

Ultime risposte di Mente e cervello


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube