Tachicardia sinusale paura

12 agosto 2014

Tachicardia sinusale paura




07 agosto 2014

Tachicardia sinusale paura

Egregi medici ho 23 anni e soffro di Ipertensione e tachicardia sinusale post partum avvenuta nel 2011. Sono in terapia con Diltiazem 60mgx3 e Ramipril 10mgx1. Il mio problema e che quando arriva il caldo mi si scatena una tachicardia da paura 90-98 bpm anche a 120 a volte. Ho effettuato vari accertamenti ma nel cuore non risultano anomalie, tranne un ecg fatto in farmacia che riscontrava una deviazione assiale sinistra, ma leggendolo il mio cardiologo ne negava la presenza. La mia domanda è per una donna asmatica che non può usare betabloccanti esistono farmaci più potenti? L'ablazione negatami dal cardiologo, potrebbe invece essere utile? Infine si può morire di tachicardia sinusale? Grazie.

Risposta del 12 agosto 2014

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Lei è troppo, spaventata, senza ragione. Una frequenza di 80-90 non è una vera tachicardia. , 120 sì, ma non è pericolosa. La sua terapia è corretta e non è il caso di modificarla. Una lieve divinazione assiale sinistra, ammesso che vi sia, è normale in un soggetto iperteso. L'ablazione si esegue solo in casi recidivanti di una " vera " tachicardia parossistica, ma non è il suo caso. Stia tranquilla.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Fegato


Vedi anche:


Ultimi articoli
Giovani e abuso di alcol: a risentirne è il fegato
07 dicembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Giovani e abuso di alcol: a risentirne è il fegato
Tumore del fegato
03 ottobre 2019
Patologie mediche
Tumore del fegato
Cirrosi: attenzione all’abuso di alcol
23 agosto 2019
Patologie mediche
Cirrosi: attenzione all’abuso di alcol
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube