Vertigini, nausea e cefalea

16 ottobre 2013

Vertigini, nausea e cefalea


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


28 settembre 2013

Vertigini, nausea e cefalea

Premetto che sono in terapia farmacologica con Wellbutrin per stati ansio depressivi e disturbi da attacchi di panico.
E' da circa un mese che ho cambiato terapia passando dall'Entact al wellbutrin, è sensazioni che avevo prima adesso si sono accentuate.
Ho costantemente la cefaleaa anche se sopportabile, credo di tipo tensivo, prima le avevo ma ogni tanto adesso il fastidio è costante, ho avuto fenomeni di vertigini e nausea che adesso persistono ogni qual volta sto in piedi o con la testa leggermente piegata in avanti, ho avuto anche fenomeni di scariche elettriche dal collo che scendevano rapide verso gli arti mentre camminavo e anche queste sono peggiorate, quello che chiedo è?
L'ansia mi ha peggiorato problemi di cervicale o il wellbutrin causa questi effetti collaterali?
Se è il wellbutrin, gli effetti tenderanno a diminuire man mano che il corpo si abitua al medicinale?
Con l'entact è stato così, il corpo si è abituato al medicinale e i sintomi iniziali sono andati scemando col tempo.
Ho cambiato terapia in accordo con la psicologa perchè l'assenza di libidonon volevo mettesse problemi alla mia vita di coppia con mia moglie, visto che la terapia deve durare un anno e abbiamo ancora 42 anni. . .
Non ho ancora parlato con la mia psicologa di questi sintomi perchè è appena andata in vacanza e non ho come contattarla finchè non torna.
Ritengo ovvio che dovrò parlarne con lei, ma gradirei nel frattempo leggere qualche vostro parere, capirete che chi ha attacchi di panico le pensa tutte!!
Grazie per l'attenzione, spero in una risposta al più presto.
Cordiali saluti
Massimo

Risposta del 16 ottobre 2013

Risposta a cura di:
Dott. QUIRINO EMILIO QUISI


informi il proprio medico dell'evento che le sta succedendo ; ne parli con la psicologa, rivolgendole tutti i suoi dubbi. NON ESSENDO IO SOLO UN DISPENSATORE DI FARMACI, LA MIA NECESSITA' SAREBBE QUELLA DI CONOSCERE QUALCOSA DI PIU' DI LEI.
ECCO PRCHE' RISULTA IMPORTANTE AVERE UN TERAPEUTA UNICO CHE MONITORI SEMPRE CIO' CHE AVVIENE NEL PROPRIO PAZIENTE.
ATTENDA FIDUCIOSO IL RIENTRO DELLA COLLEGA ED ASPETTI UN SUO PARERE. AUGURI VIVISSIMI X LEI!

Dott. QUIRINO EMILIO QUISI
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Medicina dello sport
Specialista in Psichiatria
Busto Arsizio (VA)

Ultime risposte di Mente e cervello

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa