La solitudine influenza anche la qualità del sonno

06 giugno 2017
News

La solitudine influenza anche la qualità del sonno



Il sonno cattivo o disturbato ha un legame molto forte con la solitudine. Lo afferma Louise Arseneault, dell'Institute of psychiatry, psychology & neuroscience del King's college di Londra, coordinatrice di un articolo recentemente pubblicato sulla rivista Psychological medicine.

«Il sentimento di solitudine è piuttosto comune tra i giovani adulti e si pensa possa influenzare la qualità del sonno» spiega la ricercatrice che poi aggiunge: «Nel nostro studio abbiamo voluto verificare questo legame». Per raggiungere i loro obiettivi, Arseneault e colleghi hanno utilizzato i dati dell'Environmental risk (E-Risk) longitudinal twin study, nel quale sono stati coinvolti 2.232 gemelli nati in Inghilterra e Galles nel 1994 e 1995: il 25-30 per cento dei partecipanti ha dichiarato di sentirsi solo qualche volta, e un altro 5 per cento di soffrire spesso di solitudine.

Le analisi hanno inoltre dimostrato che chi si sente solo ha una probabilità del 24 per cento più alta di sentirsi stanco o di avere difficoltà a concentrarsi durante il giorno. «Una ridotta qualità del sonno è solo una delle manifestazioni possibili del senso di solitudine ed è importante affrontare precocemente questi problemi prima che si trasformino in qualcosa di più serio» precisano gli autori che poi hanno cercato di capire i motivi alla base del legame tra solitudine e qualità del sonno.

«Abbiamo ipotizzato che i disturbi del sonno fossero legati in particolare a un senso di insicurezza durante la notte e che potessero quindi essere più forti in chi aveva subito traumi o abusi nel corso della vita» aggiunge Timothy Matthews, primo autore dello studio. E in effetti i dati hanno dimostrato che per chi aveva subito gli abusi o i traumi più gravi il legame tra senso di solitudine e scarsa qualità del sonno era del 70 per cento più forte. «Questi ragazzi di notte si sentono meno sicuri, perché non possono essere vigili e attenti, e il sentirsi soli aumenta queste sensazioni riducendo la qualità del sonno» spiega, ricordando l'importanza di riconoscere i casi a rischio e intervenire prontamente fornendo il giusto supporto.

Fonte: Psychol Med. 2017 May 17:1-10. doi: 10.1017/S0033291717000629


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Il doce far niente
Mente e cervello
22 luglio 2018
Libri e pubblicazioni
Il doce far niente
Comunicare è il verbo chiave di questi tempi social
Mente e cervello
01 luglio 2018
Libri e pubblicazioni
Comunicare è il verbo chiave di questi tempi social
La diversità potente
Mente e cervello
24 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La diversità potente
L'esperto risponde