Melanzane, ortaggio benefico ma attenzione ai condimenti

15 settembre 2018
News

Melanzane, ortaggio benefico ma attenzione ai condimenti


L'ortaggio estivo per eccellenza non solo agevola il lavoro del fegato. Ma aiuta anche ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

Ipocaloriche, assorbono però grassi e sale


Ortaggio tipicamente estivo (sotto i 12 gradi smettono addirittura di crescere!), le melanzane sono l'ingrediente mediterraneo protagonista di piatti succulenti e golosi, ma se consumate con intelligenza possono diventare vere alleate di benessere. In sé sono poco caloriche: apportano infatti appena 20 calorie per 100 grammi. Occhio però alla loro capacità di assorbire i grassi e il sale, una tendenza che può far lievitare le calorie di un piatto in maniera vertiginosa o vanificare l'effetto diuretico che hanno le melanzane. Si vanificherebbe così, in parte, anche il loro più significativo vantaggio nutrizionale, ovvero la capacità di aiutare il fegato a svolgere meglio il proprio lavoro di depurazione. Il merito è in gran parte dell'acqua di cui sono composte al 93 per cento e della presenza di fibre, che aiutano a spazzare via le scorie in eccesso, detossinando l'organismo.

Sempre cotta!


Tonda, bislunga, scura o viola chiaro, la melanzana va sempre consumata cotta, perché cruda - oltre a essere amarissima - è addirittura tossica a causa di un componente, la solanina. In compenso, in cottura, non vengono dispersi i minerali di cui sono ricchissime: in primis il potassio, utile d'estate per contrastare gli effetti di una eccessiva sudorazione, e poi fosforo, magnesio, zinco, calcio, ferro e rame. La maggior ricchezza nutrizionale di questo ortaggio rimineralizzante - che non è privo neppure delle più importanti vitamine - è comunque dato da alcuni preziosi amminoacidi: dall'acido aspartico all'acido glutammico, dall'arginina alla luteina, solo per citarne alcuni.

L’amaro che fa bene

È però la presenza di alcune sostanze amare (come quelle che si trovano nelle foglie dei carciofi) che aiuta la bile a svolgere al meglio il suo lavoro, contribuendo così anche ad abbassare il livello di colesterolo cosiddetto "cattivo" nel sangue. È utile sapere che nessuno dei preziosi componenti che costituiscono la melanzana si disperde qualora la si sottoponga - come facevano le nostre nonne - all'operazione di "spurgatura" sotto sale per fargli perdere l'acqua e il sapore amaro.

Consumale così

E per i più golosi, o per chi vuole incrementarne il consumo, alcuni consigli culinari. Le melanzane non si gustano solo fritte e in parmigiana, piatto che spesso rischia di superare la soglia dei grassi consentiti! Possono essere infatti di facile e veloce preparazione, restando un ortaggio light e gustoso, se cotte intere nel forno, avvolte in un foglio di stagnola. Dopodiché basterà eliminare la buccia che si stacca facilmente e frullare la polpa con uno spicchio di aglio, un cucchiaio di olio e un pizzico di sale, più una generosa aggiunta di origano e basilico, per gustare una crema fresca, ottima anche per condire una pastasciutta integrale o di grano saraceno.


A cura di:
Gloria Brolatti - Emoticibo




Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Cous cous di pesce e verdure
28 maggio 2020
Le ricette della salute
Cous cous di pesce e verdure
Torta integrale di carote
26 maggio 2020
Le ricette della salute
Torta integrale di carote
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube