Trattamenti estetici per le pazienti oncologiche, parte da Torino il progetto Dedicati

20 novembre 2018

News

Trattamenti estetici per le pazienti oncologiche, parte da Torino il progetto "Dedicati"



Prendersi cura di sé, del proprio corpo e della propria bellezza è di aiuto psicologicamente per affrontare meglio le cure oncologiche.
Si svolgerà in quest'ottica, dal 26 a 30 novembre, la campagna DEDICATI Incontri di bellezza per prendersi cura di sé  per le pazienti con tumore ovarico, promossa dall'associazione ACTO - Alleanza Contro il Tumore Ovarico.
Si tratta di una settimana di trattamenti estetici offerti gratuitamente: negli spazi messi a disposizione dall'ospedale Sant'Anna-Città della salute e della scienza di Torino, città dove è stata avviata l'iniziativa, le estetiste oncologiche offriranno alle pazienti trattamenti a scelta tra manicure, pedicure, trattamento viso, massaggio linfodrenante personalizzato. Con la speranza «che ognuna di loro guardandosi allo specchio dopo il trattamento e seguendo il consiglio delle esperte di stile, non veda più la malattia ma solo una persona più bella e infinitamente più forte di prima» spiega Nicoletta Cerana, Presidente di ACTO nazionale.

Un sostegno psicologico alle terapie


In Italia 50.000 donne convivono con un tumore ovarico mentre sono 5.200 i nuovi casi ogni anno, di cui 420 in Piemonte. Una patologia grave, con percorsi di cura che influiscono pesantemente sul corpo e sulla psiche delle pazienti.
«È ormai consolidata la consapevolezza tra la classe medica e il personale sanitario dell'impatto devastante che la malattia provoca alla sfera fisica e psichica della donna» - spiega Elisa Picardo, Dirigente Medico Struttura complessa Ginecologia e Ostetricia 4 Ospedale Sant'Anna e Vicepresidente ACTO Piemonte. «Per rispondere al meglio alle terapie e reagire meglio alla malattia, sono importanti i piccoli gesti quotidiani e anche le piccole attenzioni verso sé stesse».
Spiega Alice Tudisco, Presidente Acto Piemonte: «una più frequente cura personale, indossare una parrucca o un foulard originale o l'uso di un colore che esalta la propria personalità può certamente aiutare le pazienti a capire che ci si può sentire ancora donne, gradevoli, attraenti, e apprezzate dagli altri nonostante la malattia e per questo abbiamo accettato con grande gioia la proposta della Acto nazionale di iniziare questo percorso di bellezza proprio da Torino».


Vedi anche:


Potrebbe interessarti
L'esperto risponde