Bimbo di 4 settimane rischia di morire per il bacio di un parente. Cos'è il bacio della morte?

20 giugno 2019

News

Bimbo di 4 settimane rischia di morire per il bacio di un parente. Cos'è il "bacio della morte"?



Una mamma inglese ha deciso di condividere la sua esperienza con il virus dell'herpes simplex neonatale di tipo1 contratto dal suo bambino. Il piccolo, Noah Tindle, ha dovuto subire un intervento chirurgico ed è stato ricoverato per due mesi a causa di quest'infezione.

Herpes simplex: di cosa si tratta?

Secondo quanto riporta il magazine The Sun, Noah  aveva soltanto quattro settimane quando la mamma ha notato un gonfiore e delle vesciche sull'occhio destro.
Dopo un consulto medico, il bambino è stato ricoverato in ospedale, dove è gli è stato diagnosticato, un herpes simplex virus1, conosciuto anche come il "bacio della morte".
Il piccolo ha dovuto affrontare un intervento chirurgico ed è rimasto ricoverato per quasi due mesi.
È probabile che l'infezione sia stata trasmessa da un adulto in occasione del battesimo, durante il quale il piccolo è stato coccolato e baciato sul viso da numerose persone.
Oggi il neonato ha nove mesi e fortunatamente si trova fuori pericolo.

Abbiamo chiesto al dottor Alberto Ferrando, presidente della Ass. pediatri liguri, quali precauzioni adottare in situazioni simili: "Nei primi mesi di vita i bambini non debbono essere baciati, toccati e accarezzati , COME DEI PUPAZZETTI DA ESTRANEI, da chiunque, perché non hanno ancora un sistema immunitario ben sviluppato e anche se allattati dalla mamma possono ammalarsi per virus che una persona che lo tocca e bacia potrebbe avere in incubazione (o essere portatore). INOLTRE , INFEZIONI "leggere" IN BAMBINI PIÙ GRANDI POSSONO CAUSARE GRAVI INFEZIONI SOTTO I TRE MESI DI VITA (SOPRATTUTTO SOTTO AL MESE DI VITA).


Come ci si deve comportare con chi insiste per farlo?


"Le persone che insistono sono persone invadenti che spesso elargiscono consigli non richiesti, che fanno confronti con i loro figli e i loro nipoti (sempre a favore loro, ovviamente) interrogano le mamme e pongono dubbi con domande che inducono ansia come "il tuo latte basta?" Perché non dai il tuo latte o il biberon? Cosa mangi? In genere risulta, qualsiasi cosa la mamma dica, che l'alimentazione è errata.
Quindi bisogna dire di no, chiaramente e severamente, anche a costo di essere bruschi. La salute di vostro figlio ha la priorità anche sulla diplomazia. Maleducati sono coloro che toccano i bambini e non voi che dite di non farlo.
Potete casomai spiegare a quali rischi si espone un neonato quando viene baciato, dicendo che sono norme date dal pediatra.


Piergiorgio Mulas


Vedi anche:


Ultimi articoli