I probiotici agiscono sulla funzionalità intestinale stimolando l'immunità naturale

07 gennaio 2020
Aggiornamenti e focus

I probiotici agiscono sulla funzionalità intestinale stimolando l'immunità naturale



Già all'inizio del secolo scorso il premio Nobel Ilya Metchnikoff nei suoi trattati "La natura dell'uomo" e "Il prolungamento della vita", ipotizzava la presenza di un'associazione tra stato di salute dell'intestino e processo di invecchiamento.

Lo si legge in una pubblicazione dedicata ai probiotici a nome di Alberto Bozzani, dell'area gastroenterologica della Società Italiana di Medicina Generale e delle cure primarie (SIMG). E nello stesso anno in cui Metchnikoff pubblicava "La Natura dell'uomo", Stamen Grigorov, un medico bulgaro, identificò e isolò dal latte fermentato diffuso all'epoca in Bulgaria il "bacillo bulgaro", noto oggi come Lactobacillus delbrueckii subsp. bulgaricus, particolarmente efficace nel produrre acido lattico. Un'osservazione ideale per Metchnikoff, che aveva già rilevato come popolazioni particolarmente longeve, come quelle delle campagne bulgare, assumessero latti fermentati in modo regolare.

Queste scoperte scientifiche stimolarono, dall'altra parte del mondo, la curiosità di Minoru Shirota, che iniziò a cercare un fermento lattico che potesse superare i succhi gastrici e arrivare vivo nell'intestino, favorendo l'equilibrio della flora intestinale. E dopo 5 anni di ricerche Shirota riuscì ad isolare e a coltivare il fermento probiotico che cercava, che venne chiamato Lactobacillus casei Shirota. Partendo da queste ricerche fino ad arrivare alle scoperte degli ultimi anni, si è compreso che è possibile intervenire nel delicato equilibrio metabolico e immunologico del "microbiota" attraverso l'azione dei probiotici, che interagiscono con il sistema gastrointestinale. La sede specifica di tale interazione è il GALT (Gut Associated Lymphoid Tissue), che contiene tra il 40 e il 60% delle cellule immuni effettrici del sistema immunitario umano. Le potenzialità terapeutiche, in termini di stimolazione del sistema immunitario, non sono solo specie-specifiche, ma addirittura ceppo-specifiche, e quanto rilevato per un determinato probiotico non può essere esteso ad altri.

La possibilità di associare, nell'alimentazione quotidiana, vari "alimenti funzionali attivi" ci aiuterebbe a mantenere la salute e a prevenire alcune patologie intestinali, con il risultato auspicabile di diminuire il numero di farmaci da somministrare.

Alberto Bozzani - Area Gastroenterologica SIMG

Probiotici: "alimenti funzionali" che agiscono effettivamente sulla funzionalità intestinale e l'immunità naturale

Fonte: Doctor33

Tags:


Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Covid-19 e intestino: cosa ne sappiamo?
Stomaco e intestino
04 marzo 2022
Speciale Coronavirus
Covid-19 e intestino: cosa ne sappiamo?
Microbiota e disbiosi, gli effetti positivi del peperoncino
Stomaco e intestino
26 gennaio 2022
Notizie e aggiornamenti
Microbiota e disbiosi, gli effetti positivi del peperoncino
Fatica cronica? Confermato legame con l’intestino
Stomaco e intestino
03 gennaio 2022
Notizie e aggiornamenti
Fatica cronica? Confermato legame con l’intestino
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su YoutubeSeguici su Instagram
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa