Tumore Ovarico, manteniamoci informate! Una campagna con Claudia Gerini

08 maggio 2020

News

Tumore Ovarico, manteniamoci informate! Una campagna con Claudia Gerini


Nasce la campagna "manteniamoci informate" sul tumore ovarico con Claudia Gerini per invitare le donne a informarsi e conoscere questa neoplasia aggressiva e su tutte le opportunità del percorso di cura.




In Italia ogni anno oltre 5.000 donne ricevono una diagnosi di tumore ovarico, uno dei più aggressivi tumori femminili. A causa di sintomi aspecifici o non riconosciuti, in circa l'80% per cento dei casi la malattia viene diagnosticata in fase già avanzata. Oggi però lo scenario è in evoluzione e una delle novità più importanti di questi anni è la possibilità per tutte le pazienti di accedere alle terapie di mantenimento, che permettono di allontanare le ricadute dopo chemioterapia e che si sono dimostrate efficaci sul tumore ovarico.


Manteniamoci informate


La campagna "manteniamoci informate" è promossa da Fondazione AIOM in collaborazione con le Associazioni ACTO Onlus, LOTO Onlus, Mai più sole e aBRCAdaBRA, con il sostegno non condizionato di GSK, ed è dedicata alle informazioni sulla malattia e i percorsi di cura.

Obiettivo della campagna è invitare le donne e le pazienti a "mantenersi informate" proprio perché oggi sul fronte del tumore ovarico sono molte le cose da sapere e le novità da conoscere: in primo luogo i progressi della ricerca e delle terapie, che stanno migliorando sopravvivenza e qualità di vita, ma anche i test molecolari, che permettono alle pazienti di accedere al trattamento più appropriato. per il proprio tipo di tumore. Ma ancora più importante è imparare a riconoscere per tempo i segnali della malattia nelle fasi iniziali, per anticipare la diagnosi e aumentare le chance di guarigione.


Terapia


Anche se il tumore ovarico resta uno dei più aggressivi tumori femminili, lo scenario è in evoluzione grazie alle innovazioni nelle tecniche chirurgiche e l'avvento di nuove strategie terapeutiche.

Uno dei passi in avanti più importanti è la possibilità di utilizzare, in fase di mantenimento dopo la chemioterapia, terapie orali con i PARP inibitori che hanno migliorato in modo significativo la possibilità delle pazienti di prolungare il tempo libero da malattia indipendentemente dal tipo di tumore ovarico e dalla presenza o meno di mutazioni genetiche.

Già di utilizzo per i pazienti con mutazione BRCA, i PARPi sono opzione terapeutica di recente introduzione anche per le pazienti senza mutazione BRCA che rappresentano circa il 75% del totale che avevano poche alternative terapeutiche e con limitata risposta clinica.

Ad oggi, 3 pazienti su 4 senza mutazione BRCA (Wild Type) in recidiva non sono in terapia di mantenimento con un PARPi o non lo ricevono in modo tempestivo ma sicuramente questo dato tenderà a migliore nel tempo vista l'elevata efficacia e maneggevoli effetti collaterali che consentono di condurre una vita normale, mantenere il lavoro e svolgere le attività quotidiane.

Questi farmaci allontanano le recidive di malattia donando alle pazienti più tempo di vita con qualità per dedicarsi alle proprie attività e ai propri interessi.


Mercedes Bradaschia


Bibliografia

Ovarian cancer: epidemiology and risk factors. La Vecchia C et al. Eur J Cancer Prev. (2017)

Ovarian Cancer: An Integrated Review. Stewart C et al. Semin Oncol Nurs. (2019)

Imaging and Screening of Ovarian Cancer. Lowry KP et al. Radiol Clin North Am. (2017)



Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube