Gravidanza, non trascurare le vaccinazioni

18 maggio 2021
Aggiornamenti e focus

Gravidanza, non trascurare le vaccinazioni


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Secondo le indicazioni contenute nel Piano nazionale di Prevenzione Vaccinale per il periodo 2017-2019 (PNPV 2017-2019) anche durante la gravidanza vi sono vaccinazioni alle quali è consigliato sottoporsi, al fine di proteggere la salute della donna e del neonato.

Le donne in gravidanza e i neonati sono infatti più vulnerabili ad alcune infezioni potenzialmente associate a rischi di mortalità neonatale; grazie al trasferimento degli anticorpi materni al feto e al neonato, per via transplacentare o attraverso l'allattamento, l'immunizzazione della madre è protettiva anche per il bambino.

Tutte le donne in gravidanza dovrebbero sottoporsi alla vaccinazione dTpa (difterite-tetano-pertosse) e a quella contro l' influenza, che devono essere ripetute ad ogni gravidanza, anche in caso di gravidanze consecutive distanziate da brevi intervalli di tempo.

I vaccini da somministrare in presenza di fattori di rischio sono invece quelli per le epatiti A e B, per la febbre gialla e per l'infezione da meningococco.

Vaccinazione dTpa


ll vaccino anti-pertosse in uso in Italia per l'immunizzazione materna è combinato e include tossoide della difterite - tossoide del tetano - pertosse acellulare (dTpa). Il periodo migliore di somministrazione del vaccino dTpa è il terzo trimestre di gestazione, idealmente intorno alla 28° settimana, o comunque tra la 27ma e 36ma settimana, al fine di garantire un passaggio efficiente degli anticorpi materni al feto.

La vaccinazione è sicura in ogni trimestre della gravidanza, ma viene spesso proposta dopo la ecografia morfologica, per eliminare qualunque potenziale associazione temporale tra la vaccinazione e la presenza di possibili patologie malformative.

Vaccinazione anti-influenzale


L'influenza contratta in gravidanza può comportare lo sviluppo di complicanze sia a carico della madre che del feto e del neonato; in particolare se contratta nei primi sei mesi di vita del neonato, è associata a tassi di mortalità elevati.

Il periodo migliore per la somministrazione è all'inizio della stagione epidemica influenzale, per le donne che si trovino nel secondo o terzo trimestre di gravidanza. I dati scientifici attualmente disponibili non riportano effetti collaterali significativi per le donne o per i neonati, e nemmeno indicazioni di rischio per la vaccinazione durante il primo trimestre, ma la normativa italiana non prevede la vaccinazione in questa fase della gestazione. La vaccinazione anti-influenzale dovrebbe essere ripetuta in occasione di ogni gravidanza.

Fonte:
  • SIGO, Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia - Vaccinazioni in gravidanza - proteggila per proteggerli

Tags:

Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Vaginite: come riconoscere i sintomi
Salute femminile
21 maggio 2021
Sintomi
Vaginite: come riconoscere i sintomi
Carenza di iodio in gravidanza: rischi per la prole
Salute femminile
17 maggio 2021
Notizie e aggiornamenti
Carenza di iodio in gravidanza: rischi per la prole
Stai entrando in menopausa? Questi i segnali più evidenti
Salute femminile
10 maggio 2021
Notizie e aggiornamenti
Stai entrando in menopausa? Questi i segnali più evidenti