Fratture ossee

29 agosto 2017

Fratture ossee



Definizione


Rottura di un osso, generalmente accompagnata da lesioni dei tessuti circostanti, la cui gravità dipende da quale osso viene colpito e dal tipo di frattura. Le fratture possono essere esposte (quando la cute e le parti molli che coprono l'osso sono lacerate) o chiuse; scomposte (le estremità fratturate dell'osso sono separate o angolate) o composte; oppure a legno verde (flessione parziale dell'osso che non porta alla sua rottura completa).

Cause


Le fratture ossee sono generalmente provocate da traumi, durante incidenti, cadute, contusioni o anche movimenti insoliti. Alcune patologie (come infezioni, tumori ossei benigni, cancro, osteoporosi) possono indebolire parti dello scheletro rendendo più facili le fratture (in questo caso, si parla di fratture patologiche).

Sintomi

Il sintomo più evidente di una frattura è il dolore, soprattutto se si carica un peso sull'arto leso. Entro poche ore dalla frattura, compaiono tumefazione e gonfiore delle parti molli circostanti, spesso accompagnati da ecchimosi, dovute alla perdita di sangue dall'osso stesso o dei tessuti adiacenti.

Diagnosi

Lo strumento più importate per diagnosticare una frattura è la radiografia, che permette anche di valutare il tipo di frattura e come sono allineati i frammenti ossei. In casi particolari, una tomografia assiale computerizzata (TAC) o una risonanza magnetica nucleare (RMN) possono essere utili per mostrare caratteristiche non rilevate della radiografia standard o per identificare eventuali lesioni dei tessuti molli (come tendini o legamenti).

Cure

Il trattamento iniziale di una frattura comprende l'uso di antidolorifici (paracetamolo e non aspirina o FANS, perché questi ultimi possono aggravare il sanguinamento) e di eventuali trattamenti di emergenza in caso di traumi gravi. Per la guarigione delle fratture vengono usati l'immobilizzazione (generalmente con l'ausilio di un gesso), da effettuare solo dopo il riallineamento delle fratture scomposte; la trazione, per mantenere le ossa allineate mentre la frattura guarisce; l'intervento chirurgico, nel caso di fratture particolari (come le fratture esposte e quelle che coinvolgono le articolazioni o il femore).

Cure complementari

In caso di fratture, è essenziale rivolgersi al medico. Trattamenti fitoterapici (Equisetum arvense) o approcci alternativi di altro genere possono essere usati per accelerare il processo di guarigione o facilitare il recupero.

Alimentazione

Per facilitare il processo di guarigione di una frattura è molto importante seguire una dieta appropriata. In particolare, va incrementato il consumo di calcio che, insieme alla vit. D, è fondamentale per la genesi del tessuto osseo. Si trova soprattutto nei latticini (ne è ricco il parmigiano) e nel pesce azzurro.


Vedi anche:


Potrebbe interessarti
Dolore alla schiena persistente: se fosse spondilite anchilosante?
Scheletro e articolazioni
01 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Dolore alla schiena persistente: se fosse spondilite anchilosante?
Dolori alla cervicale. Cause e sintomi
Scheletro e articolazioni
11 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Dolori alla cervicale. Cause e sintomi
Fisioterapisti in farmacia, nuova edizione della campagna le mani giuste
Scheletro e articolazioni
04 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Fisioterapisti in farmacia, nuova edizione della campagna "le mani giuste"
L'esperto risponde