Clinimix N9G15E

17 gennaio 2021

Clinimix N9G15E


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Clinimix N9G15E (poliaminoacidi + glucosio monoidrato)


Clinimix N9G15E è un farmaco a base di poliaminoacidi + glucosio monoidrato, appartenente al gruppo terapeutico Soluzioni nutrizionali parenterali. E' commercializzato in Italia da Baxter S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Clinimix N9G15E disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Clinimix N9G15E disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Clinimix N9G15E e perchè si usa


Nutrizione parenterale quando l'alimentazione orale od enterale è impossibile, insufficiente o controindicata.

Nei pazienti sottoposti a trattamento di nutrizione parenterale prolungata è possibile addizionare, quale fonte sia di calorie che di acidi grassi essenziali, una emulsione lipidica a CLINIMIX.

Indicazioni: come usare Clinimix N9G15E, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Il dosaggio viene scelto in funzione delle necessità metaboliche, del dispendio energetico e dello stato clinico del paziente.

Negli adulti, il fabbisogno varia da 0,16 g di azoto/kg/die (circa 1 g di aminoacidi/kg/die) a 0,35 g di azoto/kg/die (circa 2 g di aminoacidi/kg/die).

Nei bambini, il fabbisogno varia da a 0,35 g di azoto/kg/die (circa 2 g di aminoacidi/kg/die) a 0,45 g di azoto/kg/die (circa 3 g di aminoacidi/kg/die).

Il fabbisogno calorico varia da 25 kcal/kg/die a 40 kcal/kg/die, a seconda dello stato nutrizionale del paziente e del grado di catabolismo.

La dose massima giornaliera di ogni componente di CLINIMIX N9G15E (per esempio amminoacidi e glucosio) deve essere scelta in funzione dei fabbisogni nutrizionali individuali totali e della tolleranza del paziente.

La velocità massima di infusione è di 3 ml/kg/ora o da 180 ml/ora a 210 ml/ora (per un paziente che pesi da 60 kg a 70 kg). La dose massima giornaliera è di 40 ml/kg, per es. da 2400 ml a 2800 ml (per un paziente che pesi da 60 kg a 70 kg).

Popolazione pediatrica

Non vi sono dati disponibili.

Modo di somministrazione

Solo per uso singolo.

Si raccomanda l'utilizzo immediato del contenuto dopo l'apertura della sacca e di non conservarlo per un'infusione successiva.

Somministrare il prodotto solo dopo l'apertura della membrana di separazione ed il miscelamento dei contenuti di entrambi i compartimenti.

Aspetto della soluzione dopo la miscelazione: soluzione limpida ed incolore o leggermente gialla. Per le istruzioni sulla preparazione e la manipolazione della soluzione vedere il paragrafo 6.6.

In caso di somministrazione periferica tenere in considerazione l'osmolarità della specifica soluzione per infusione. Le soluzioni o le miscele aventi una osmolarità superiore a 800 mOsm/l devono essere infuse in vena centrale (vedere anche il paragrafo 4.4).

Come indicato su base individuale, le vitamine e gli oligoelementi ed altri componenti (inclusi i lipidi) possono essere aggiunti al regime per prevenire carenze e complicazioni dello sviluppo (vedere il paragrafo 6.2).

La velocità di infusione deve essere aumentata gradualmente durante la prima ora.

La velocità di somministrazione deve essere scelta in accordo al dosaggio, alle caratteristiche della soluzione infusa, al volume totale assunto nelle 24 ore ed alla durata della infusione. Il tempo di infusione deve essere superiore alle 8 ore.

Per ridurre il rischio di ipoglicemia dopo l'interruzione, considerare una graduale diminuizione della velocità di flusso nell'ultima ora di somministrazione.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Clinimix N9G15E


  • Ipersensibilità nota ad uno dei principi attivi o degli eccipienti od ai componenti del contenitore.
  • Disturbi del metabolismo degli aminoacidi.
  • Iperglicemia grave.
  • Acidosi metabolica, iperlattatemia.
  • CLINIMIX con elettroliti (CLINIMIX N9G15E) non deve essere somministrato a pazienti con iperkaliemia e ipernatremia ed in pazienti con concentrazioni patologiche nel plasma di magnesio, calcio e/o fosforo.
  • Come per altre soluzioni per infusione contenenti calcio, il trattamento concomitante con ceftriaxone e CLINIMIX N9G15E è controindicato nei neonati (≤28 giorni di età), anche in caso di infusione con linee separate (vi è il rischio di precipitazione fatale del sale di calcio ceftriaxone nel flusso sanguigno del neonato). Vedere i paragrafi 4.5 e 6.2 sulla co-somministrazione nei pazienti anziani.

Clinimix N9G15E può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


La sicurezza d'impiego di CLINIMIX in fertilità, in gravidanza e in allattamento non è stata accertata per la mancanza di studi clinici. Il medico prescrittore deve valutare il rapporto rischio/beneficio per somministrare CLINIMIX durante la gravidanza o l'allattamento.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa