Clodeosten

26 febbraio 2021

Clodeosten


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Clodeosten (acido clodronico sale disodico tetraidrato)


Clodeosten è un farmaco a base di acido clodronico sale disodico tetraidrato, appartenente al gruppo terapeutico Osteomodulanti. E' commercializzato in Italia da LaNova Farmaceutici S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Clodeosten disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Clodeosten disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Clodeosten e perchè si usa


Osteolisi tumorali. Mieloma multiplo. Iperparatiroidismo primario.

Prevenzione e trattamento dell'osteoporosi post menopausale.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Clodeosten


Ipersensibilità al principio attivo o agli eccipienti.

Trattamenti concomitanti con altri bisfosfonati.

Clodeosten può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Fertilità

In studi su animali, il clodronato non causa danni fetali, ma grosse dosi riducono la fertilità maschile.

Non sono disponibili dati clinici sull'effetto del clodronato sulla fertilità dell'uomo. Per l'uso di clodronato in gravidanza e durante l'allattamento, vedere i paragrafi “Gravidanza“ e “Allattamento“.

Gravidanza

Sebbene negli animali il clodronato passa attraverso la barriera placentare, non è noto, nell'uomo, se esso passa nel feto. Inoltre, non si conosce se nell'uomo il clodronato possa causare danno fetale o influenzare la funzione riproduttiva. C'è solo una limitata quantità di dati sull'uso del clodronato nella donna in gravidanza. CLODEOSTEN non è raccomandato durante la gravidanza e in donne in età fertile non protette da una efficace terapia contraccettiva.

Allattamento

Nell'uomo non è noto se il clodronato sia escreto nel latte materno. Non può essere escluso un rischio per il lattante. Pertanto, durante il trattamento con CLODEOSTEN, l'allattamento al seno deve essere interrotto.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa