Doxorubicina Accord Healthcare Italia

30 settembre 2020

Doxorubicina Accord Healthcare Italia



Doxorubicina Accord Healthcare Italia (doxorubicina cloridrato): Antineoplastici antibiotici citotossici. A cosa serve Doxorubicina Accord Healthcare Italia, come si usa, controindicazioni, confezioni e formulazioni disponibili, foglietto illustrativo.

Doxorubicina Accord Healthcare Italia è un farmaco a base di doxorubicina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Antineoplastici antibiotici citotossici. E' commercializzato in Italia da Accord Healthcare Italia S.r.l..


Confezioni e formulazioni di Doxorubicina Accord Healthcare Italia (doxorubicina cloridrato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Doxorubicina Accord Healthcare Italia (doxorubicina cloridrato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Doxorubicina Accord Healthcare Italia (doxorubicina cloridrato) e perchè si usa


La doxorubicina è indicata nelle seguenti condizioni neoplastiche:

  • Carcinoma polmonare a piccole cellule (SCLC).
  • Carcinoma della mammella.
  • Carcinoma ovarico avanzato.
  • Carcinoma della vescica, in somministrazione intravescicale.
  • Terapia neoadiuvante ed adiuvante dell'osteosarcoma.
  • Sarcoma avanzato dei tessuti molli nell'adulto.
  • Sarcoma di Ewing.
  • Malattia di Hodgkin.
  • Linfoma non-Hodgkin.
  • Leucemia linfoblastica acuta.
  • Leucemia mieloblastica acuta.
  • Mieloma multiplo avanzato.
  • Carcinoma endometriale avanzato o ricorrente.
  • Tumore di Wilms.
  • Carcinoma tiroideo papillare/follicolare avanzato.
  • Carcinoma tiroideo anaplastico.
  • Neuroblastoma in fase avanzata.
La doxorubicina è usata frequentemente nei regimi chemioterapici in combinazione con altri medicinali citotossici.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Doxorubicina Accord Healthcare Italia (doxorubicina cloridrato)


Ipersensibilità al principio attivo doxorubicina cloridrato o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Controindicazioni per la somministrazione endovenosa:

  • Ipersensibilità agli antracenedioni o ad altre antracicline.
  • Mielosoppressione marcata persistente e/o stomatite grave indotta da precedente trattamento con altri agenti citotossici e/o radiazioni.
  • Trattamento precedente con dosi cumulative massime di doxorubicina e/o altre antracicline (ad es. daunorubicina, epirubicina, idarubicina) e antracenedioni (vedere paragrafo 4.4).
  • Infezione generalizzata.
  • Grave compromissione della funzionalità epatica.
  • Gravi aritmie, scompenso cardiaco, pregresso infarto del miocardio, cardiopatia infiammatoria acuta.
  • Aumentata tendenza alle emorragie.
  • Allattamento (vedere paragrafo 4.6).
Controindicazioni per la somministrazione intravescicale:

  • Tumori invasivi che hanno penetrato la vescica (oltre T1).
  • Infiammazione della vescica.
  • Ematuria.
  • Difficoltà di inserimento del catetere urinario (ad esempio, nei tumori vescicali di grandi dimensioni).
  • Allattamento (vedere paragrafo 4.6).
  • Infezioni delle vie urinarie.
La doxorubicina non può essere somministrata durante la gravidanza e l'allattamento (vedere paragrafo 4.6).



Doxorubicina Accord Healthcare Italia (doxorubicina cloridrato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

La doxorubicina è stata rilevata nel tessuto fetale (fegato, rene, polmoni) a concentrazioni varie volte superiori alle concentrazioni nel plasma materno; ciò sta ad indicare che il medicinale attraversa la placenta. Negli studi sugli animali, la doxorubicina ha mostrato effetti embriotossici, fetotossici e teratogeni (vedere paragrafo 5.3) e si è rivelata anche altamente mutagena al test di Ames. Durante la gravidanza, i medicinali citostatici devono essere somministrati soltanto su stretta indicazione e dopo aver valutato i benefici per la madre ed i possibili rischi per il feto.

Allattamento

È stato osservato che la doxorubicina viene escreta nel latte materno umano. Non è possibile escludere rischi per il bambino allattato. Poiché è controindicato l'uso di doxorubicina cloridrato durante l'allattamento al seno, questo deve essere sospeso durante il trattamento con doxorubicina (vedere paragrafo 4.3).

Fertilità

Per ragioni di sicurezza, gli uomini che desiderano un figlio devono conservare lo sperma non esposto alla doxorubicina prima del trattamento ed evitare di procreare durante il trattamento e nei 6 mesi successivi. Le donne in età fertile devono fare uso di un contraccettivo efficace durante il trattamento e nei 6 mesi successivi al termine della terapia con doxorubicina.



Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube