Etoposide Sandoz

27 novembre 2020

Etoposide Sandoz



Etoposide Sandoz: a cosa serve , come si usa, controindicazioni. Confezioni e formulazioni di Etoposide Sandoz disponibili in commercio.


Etoposide Sandoz è un farmaco a base di etoposide, appartenente al gruppo terapeutico Antineoplastici. E' commercializzato in Italia da Sandoz S.p.A.



Confezioni e formulazioni di Etoposide Sandoz (etoposide) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Etoposide Sandoz (etoposide) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Etoposide Sandoz (etoposide) e perchè si usa


L'etoposide è un farmaco antineoplastico per uso endovenoso. Può essere usato in monoterapia o in combinazione con altri agenti oncolitici.

I dati disponibili dimostrano che l'etoposide può essere impiegato nel carcinoma polmonare a piccole cellule, nei carcinomi del testicolo non seminomatosi resistenti, nella leucemia mielomonocitica e mielocitica acuta (AML, sottotipo FAB M4 o M5) quale parte della terapia di combinazione dopo fallimento della chemioterapia di induzione.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Etoposide Sandoz (etoposide)


  • Ipersensibilità al principio attivo o a uno qualsiasi degli eccipienti,
  • Grave disfunzione epatica,
  • Grave danno renale (clearance della creatinina <15 ml/min, vedere paragrafo 4.2),
  • Grave mielosoppressione,
  • Iniezione intra-arteriosa o intra-cavitaria,
  • Allattamento al seno (vedere paragrafo 4.6)
  • L'uso concomitante di vaccino per la febbre gialla o altri vaccini vivi è controindicato in pazienti immunosoppressi (vedere 4.5 Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione).



Etoposide Sandoz (etoposide) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Si sospetta che l'etoposide, quando somministrato durante la gravidanza, causi seri difetti congeniti. Etoposide ha dimostrato di essere teratogeno in topi e ratti. Non ci sono studi adeguati e ben controllati in donne in gravidanza. Esso non deve quindi essere somministrato in gravidanza, a meno che non sia strettamente necessario. Durante il trattamento con etoposide, le donne in età fertile devono usare una efficace contraccezione.

Se si utilizzano questi farmaci durante la gravidanza, o se la paziente rimane incinta durante il trattamento con questi farmaci, prima della nascita devono essere forniti appropriati consigli, e il beneficio del trattamento deve essere valutato rispetto al possibile rischio per il feto.

Allattamento al seno

Non si sa se l'etoposide venga escreto nel latte materno, e un rischio per il lattante non può essere pertanto escluso. Poiché molti farmaci vengono escreti nel latte umano e a causa del potenziale di gravi reazioni avverse da etoposide nei lattanti, si deve decidere se interrompere l'allattamento o interrompere il farmaco, tenendo conto dell'importanza del farmaco per la madre. L'etoposide è strettamente controindicato durante l'allattamento, che va quindi interrotto (vedere paragrafo 4.3, Controindicazioni).

Fertilità

Considerato il potenziale mutageno di etoposide, è necessario praticare una contraccezione efficace da parte dei pazienti di entrambi i sessi durante il trattamento e fino a 6 mesi dopo la fine del trattamento. Si raccomanda una consulenza genetica se il paziente desidera procreare dopo il termine del trattamento. Poiché etoposide può diminuire la fertilità maschile, si può prendere in considerazione la conservazione del seme ai fini di una successiva paternità.



Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa