Fusapielbeta

29 luglio 2021

Fusapielbeta


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Fusapielbeta (acido fusidico + betametasone)


Fusapielbeta è un farmaco a base di acido fusidico + betametasone, appartenente al gruppo terapeutico Corticosteroidi + antibatterici. E' commercializzato in Italia da Mylan Italia S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Fusapielbeta disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Fusapielbeta disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Fusapielbeta e perchè si usa


Fusapielbeta è indicato nel trattamento delle dermatiti eczematose, compresi eczema atopico, eczema infantile (bambini di 1 anno e oltre), eczema discoide, eczema da stasi, eczema da contatto ed eczema seborroico con sospetta o confermata infezione batterica secondaria.

Devono essere prese in considerazione le linee guida ufficiali sull'uso appropriato degli agenti antibatterici.

Indicazioni: come usare Fusapielbeta, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Normalmente un singolo trattamento non deve superare le 2 settimane.

Modo di somministrazione

Per uso cutaneo

Applicare una piccola quantità di crema sulla zona interessata 2 volte al giorno fino a quando viene ottenuta una risposta soddisfacente. Nelle lesioni più resistenti l'effetto di Fusapielbeta può essere potenziato mediante bendaggio occlusivo con pellicola di polietilene. Il bendaggio mantenuto durante la notte di solito è sufficiente.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Fusapielbeta


Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

A causa del contenuto di corticosteroidi, Fusapielbeta è controindicato nelle seguenti condizioni:

Bambini minori di un anno con dermatite infetta.

Infezioni fungine sistemiche.

Infezioni primarie della pelle causate da funghi, virus o batteri, non trattate o non controllate da un trattamento adeguato (vedere paragrafo 4.4).

Manifestazioni cutanee legate a tubercolosi o sifilide, non trattate o non controllate da un trattamento adeguato.

Acne volgare.

Dermatite periorale e rosacea.

Fusapielbeta può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Acido fusidico:

Non è previsto alcun effetto durante la gravidanza, poichè l'esposizione sistemica all'acido fusidico è trascurabile. Studi sugli animali non hanno mostrato effetti teratogeni con l'acido fusidico. Studi limitati sugli animali hanno mostrato un assorbimento sistemico trascurabile con l'uso topico di acido fusidico.

Betametasone valerato:

I dati sull'uso topico del betametasone valerato in donne in gravidanza sono limitati o assenti. Studi sugli animali hanno mostrato tossicità riproduttiva/anormalità fetali (vedere paragrafo 5.3).

Fusapielbeta non deve essere usato durante la gravidanza, a meno che non sia chiaramente necessario.

Allattamento

Non sono previsti effetti sul neonato/bambino allattato con latte materno in quanto l'esposizione sistemica all'acido fusidico e betametasone valerato applicati per via topica ad un'area ristretta della cute della donna che allatta con latte materno è trascurabile.

Fusapielbeta può essere usato durante l'allattamento, ma non deve essere applicato sul seno per evitare l'ingestione accidentale da parte del neonato.

Fertilità

Non ci sono studi clinici con acido fusidico/betametasone relativi alla fertilità.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Variante Delta, ecco le 10 regole da seguire
Malattie infettive
22 luglio 2021
Speciale Coronavirus
Variante Delta, ecco le 10 regole da seguire
Meduse: le strategie giuste se si viene colpiti
Pelle
21 luglio 2021
Notizie e aggiornamenti
Meduse: le strategie giuste se si viene colpiti
Covid-19, intelligenza artificiale, un aiuto alla ricerca
Malattie infettive
15 luglio 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, intelligenza artificiale, un aiuto alla ricerca