Elettrolitica Reidratante III + Glucosio Galenica Senese ev soluzione perfusionale 1 flacone 100 ml

Ultimo aggiornamento: 29 gennaio 2019

Farmaci - Elettrolitica Reidratante III + Glucosio Galenica Senese

Elettrolitica Reidratante III + Glucosio Galenica Senese ev soluzione perfusionale 1 flacone 100 ml




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE AIC:

Industria Farmaceutica Galenica Senese S.r.l.

MARCHIO

Elettrolitica Reidratante III + Glucosio Galenica Senese

CONFEZIONE

ev soluzione perfusionale 1 flacone 100 ml

ALTRE CONFEZIONI DI ELETTROLITICA REIDRATANTE III + GLUCOSIO GALENICA SENESE DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
sodio cloruro + potassio cloruro + calcio cloruro + magnesio cloruro + sodio acetato + sodio citrato + glucosio monoidrato

FORMA FARMACEUTICA
preparazione iniettabile

GRUPPO TERAPEUTICO
Soluzioni endovena elettrolitiche

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
2,04 €


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Elettrolitica Reidratante III + Glucosio Galenica Senese ev soluzione perfusionale 1 flacone 100 ml

La soluzione è ipertonica con il sangue e deve essere somministrata per infusione endovenosa con cautela e a velocità controllata di infusione.Agitare bene prima della somministrazione.La dose è dipendente dall'età, dal peso e dalle condizioni cliniche del pazienteIl medicinale deve essere somministrato solo a funzionalità renale integra e ad una velocità non superiore a 10 mEq potassio/ora e a 0,4-0,8 g di glucosio per kg di peso corporeo per ora.AdultiGeneralmente la dose è di 3 litri/die, somministrati ad una velocità di circa 500 ml-1 litro/ora.BambiniNei bambini la sicurezza e l'efficacia del medicinale non sono state determinate.Il dosaggio e la velocità di somministrazione del glucosio devono essere scelte in funzione dell'età, del peso e delle condizioni cliniche del paziente. Occorre particolare cautela nei pazienti pediatrici e soprattuto nei neonati o nei bambini con un basso peso corporeo .Non iniettare per via intramuscolare, o sottocutanea o nei tessuti perivascolari.La somministrazione deve essere interrotta se il paziente manifesta dolore o rossore al sito di iniezione, in quanto ciò potrebbe indicare uno stravaso del farmaco.Infusioni troppo rapide possono causare dolore locale e la velocità di infusione deve essere aggiustata in rapporto alla tolleranza.E' raccomandabile che il paziente rimanga disteso per un breve periodo dopo la somministrazione.



PATOLOGIE ASSOCIATE







Potrebbe interessarti
L'esperto risponde