Faxilex 50 mg 28 compresse a rilascio prolungato

12 giugno 2024
Farmaci - Faxilex

Faxilex 50 mg 28 compresse a rilascio prolungato


Tags:


Faxilex 50 mg 28 compresse a rilascio prolungato è un medicinale soggetto a prescrizione medica (classe C), a base di desvenlafaxina, appartenente al gruppo terapeutico Antidepressivi. E' commercializzato in Italia da Neuraxpharm Italy S.p.A.


INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


TITOLARE:

Neuraxpharm Italy S.p.A.

MARCHIO

Faxilex

CONFEZIONE

50 mg 28 compresse a rilascio prolungato

FORMA FARMACEUTICA
compressa a rilascio prolungato

PRINCIPIO ATTIVO
desvenlafaxina

GRUPPO TERAPEUTICO
Antidepressivi

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

PREZZO
13,50 €


CONFEZIONI DISPONIBILI IN COMMERCIO


Confezioni e formulazioni di Faxilex disponibili in commercio:


FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (PDF)


SCARICA IL PDF DEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (AIFA)


Foglietto illustrativo Faxilex »

N.B. Alcuni PDF potrebbero non essere disponibili


INDICAZIONI TERAPEUTICHE


A cosa serve Faxilex? Perchè si usa?


Trattamento del disturbo depressivo maggiore (MDD) negli adulti.


CONTROINDICAZIONI


Quando non dev'essere usato Faxilex?


Ipersensibilità al principio attivo, alla venlafaxina o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

La desvenlafaxina non deve essere somministrata in concomitanza con gli inibitori delle monoaminossidasi (IMAO) o prima che siano trascorsi 14 giorni dall'interruzione del trattamento con IMAO. Considerando l'emivita della desvenlafaxina, il trattamento con MAOI non deve essere iniziato prima che siano trascorsi almeno 7 giorni dall'interruzione del trattamento con desvenlafaxina (vedere paragrafo 4.5). L'inizio del trattamento con desvenlafaxina è anche controindicato nei pazienti in trattamento con un IMAO reversibile come il linezolid o in quelli a cui è stato somministrato blu di metilene per via endovenosa, poiché ciò aumenta il rischio di sindrome serotoninergica (vedere paragrafi 4.2 e 4.4).


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO


Cosa serve sapere prima di prendere Faxilex?


Suicidio/pensieri suicidi o peggioramento clinico

La depressione è associata ad un aumentato rischio di pensieri suicidi, autolesionismo e suicidio (eventi correlati al suicidio). Questo rischio persiste fino a quando non si verifica una remissione significativa. Poiché il miglioramento potrebbe non verificarsi durante le prime settimane o più di trattamento, i pazienti devono essere attentamente monitorati fino a quando non si verifica tale miglioramento. È esperienza clinica generale che il rischio di suicidio può aumentare nelle prime fasi della guarigione.

È noto che i pazienti con una storia di eventi correlati al suicidio, o quelli che mostrano un grado significativo di ideazione suicidaria prima dell'inizio del trattamento, sono a maggior rischio di pensieri suicidi o tentativi di suicidio e devono ricevere un attento monitoraggio durante il trattamento. Una meta analisi di studi clinici controllati con placebo su farmaci antidepressivi in pazienti adulti con disturbi psichiatrici ha mostrato un aumento del rischio di comportamento suicidario con antidepressivi rispetto al placebo in pazienti di età inferiore a 25 anni.

Un'attenta supervisione dei pazienti e in particolare di quelli ad alto rischio deve accompagnare la terapia farmacologica, soprattutto all'inizio del trattamento e in seguito a modifiche della dose. I pazienti (e gli operatori sanitari dei pazienti) devono essere avvisati della necessità di monitorare qualsiasi peggioramento clinico, comportamento o pensiero suicidario e cambiamenti insoliti nel comportamento e di consultare immediatamente un medico se questi sintomi sono presenti.

I sintomi che possono verificarsi sono ad es. ansia, agitazione, attacchi di panico, insonnia, irritabilità, ostilità, aggressività, impulsività, acatisia (irrequietezza psicomotoria), ipomania e mania, specialmente all'inizio del trattamento o ogni volta che la dose o il regime di dosaggio vengono modificati.

Per i pazienti a rischio di tentativi di suicidio, deve essere fornita la minima quantità di medicinale per ridurre il rischio di sovradosaggio.

Disfunzione sessuale

Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina - noradrenalina (SNRI) possono causare sintomi di disfunzione sessuale (vedere paragrafo 4.8). Ci sono state segnalazioni di disfunzioni sessuali di lunga durata in cui i sintomi sono continuati nonostante l'interruzione degli SNRI.

Popolazione pediatrica

La desvenlafaxina non deve essere utilizzata nel trattamento di bambini e adolescenti di età inferiore a 18 anni. Comportamenti correlati al suicidio (tentativi di suicidio e pensieri suicidi) e ostilità (prevalentemente aggressività, comportamento di opposizione e rabbia) sono stati osservati più frequentemente negli studi clinici tra bambini e adolescenti trattati con antidepressivi rispetto a quelli trattati con placebo. Se, in base alla necessità clinica, viene comunque presa la decisione di trattare, il paziente deve essere attentamente monitorato per la comparsa di sintomi suicidi. Inoltre, mancano dati sulla sicurezza a lungo termine nei bambini e negli adolescenti riguardanti la crescita, la maturazione e lo sviluppo cognitivo e comportamentale.

Mania/ipomania

Negli studi clinici sono stati descritti casi di mania con desvenlafaxina. I sintomi di mania/ipomania possono essere osservati in una piccola percentuale di pazienti con disturbi dell'umore che hanno ricevuto antidepressivi, inclusa la desvenlafaxina. La desvenlafaxina deve essere usata con cautela in pazienti con anamnesi o familiarità di mania o ipomania.

Sindrome serotoninergica o reazioni simili alla sindrome neurolettica maligna (SNM)

Come con altri medicinali serotoninergici, durante il trattamento con desvenlafaxina, possono verificarsi sindrome serotoninergica o reazioni simili alla sindrome neurolettica maligna (SNM), una condizione potenzialmente fatale, specialmente durante l'uso concomitante con altri medicinali serotoninergici (inclusi triptani, SSRI, altri SNRI, litio, sibutramina, fentanil e suoi analoghi, tramadolo, destrometorfano, tapentadolo, meperidina, metadone, pentazocina ed erba di San Giovanni [Hypericum perforatum]), con medicinali che influenzano il metabolismo della serotonina (come gli IMAO, incluso linezolid (un antibiotico non selettivo IMAO reversibile) e blu di metilene per via endovenosa, o con antipsicotici o altri agonisti della dopamina (vedere paragrafi 4.2, 4.3 e 4.5).I sintomi della sindrome serotoninergica possono includere alterazioni dello stato mentale (es. agitazione, allucinazioni e coma), instabilità autonomica (es. tachicardia, ipertensione labile e ipertermia), aberrazioni neuromuscolari (es. iperreflessia e mancanza di coordinazione) e/ o sintomi gastrointestinali (es. nausea, vomito e diarrea). La sindrome serotoninergica nella sua forma più grave può sembrare una SNM, che comprende ipertermia, rigidità muscolare, instabilità autonomica con possibile rapida fluttuazione dei segni vitali e cambiamento dello stato mentale (vedere paragrafo 4.5).

Se è giustificato il trattamento concomitante con desvenlafaxina e altri agenti che possono influenzare i sistemi di neurotrasmissione serotoninergica e/o dopaminergica, si raccomanda di monitorare molto attentamente il paziente, specialmente quando inizia il trattamento o se ne aumenta la dose.

L'uso concomitante di desvenlafaxina e precursori della serotonina (come gli integratori di triptofano) non è raccomandato.

Somministrazione concomitante di medicinali contenenti venlafaxina e/o desvenlafaxina

La desvenlafaxina è il principale metabolita attivo della venlafaxina, un medicinale usato per trattare la depressione, l'ansia generalizzata, l'ansia sociale e il disturbo di panico. I prodotti contenenti desvenlafaxina non devono essere usati in concomitanza con prodotti contenenti venlafaxina o altri prodotti contenenti desvenlafaxina.

Glaucoma ad angolo chiuso

Poiché sono stati segnalati casi di midriasi associati all'uso di desvenlafaxina, i pazienti con pressione intraoculare elevata o quelli a rischio di contrarre glaucoma acuto ad angolo chiuso devono essere attentamente monitorati.

Pressione sanguigna

Negli studi clinici, in alcuni pazienti sono stati osservati aumenti della pressione sanguigna, specialmente in quelli trattati con dosi elevate. L'ipertensione preesistente deve essere controllata prima del trattamento con desvenlafaxina. La pressione sanguigna dei pazienti in trattamento con desvenlafaxina deve essere monitorata regolarmente. Durante il trattamento con desvenlafaxina sono stati segnalati casi di ipertensione che hanno richiesto un trattamento immediato. Gli aumenti prolungati della pressione sanguigna possono causare effetti collaterali. Nei pazienti che manifestano un aumento prolungato della pressione sanguigna durante il trattamento con desvenlafaxina, si deve prendere in considerazione la riduzione della dose o l'interruzione del trattamento. Particolare attenzione deve essere prestata ai pazienti le cui condizioni di base sono compromesse da aumenti della pressione sanguigna (vedere paragrafo 4.8).

Disturbi cardiovascolari/cerebrovascolari

Si raccomanda di prendere precauzioni durante la somministrazione di desvenlafaxina a pazienti con disturbi cardiovascolari o cerebrovascolari o del metabolismo lipidico (vedere paragrafo 4.8). Negli studi clinici con desvenlafaxina sono stati osservati aumenti dose-dipendenti della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca.

La desvenlafaxina non è stata valutata sistematicamente in pazienti con anamnesi di infarto miocardico recente, cardiopatia instabile, ipertensione non controllata o malattia cerebrovascolare. I pazienti con una storia di infarto miocardico recente, cardiopatia instabile o ipertensione arteriosa non controllata sono stati esclusi da tutti gli studi clinici.

Lipidi sierici

Negli studi clinici sono stati osservati aumenti correlati alla dose del colesterolo totale sierico a digiuno, del colesterolo LDL (lipoproteine a bassa densità) e dei trigliceridi. Durante il trattamento con desvenlafaxina deve essere presa in considerazione la misurazione dei lipidi sierici.

Convulsioni

Casi di convulsioni sono stati riportati negli studi clinici con desvenlafaxina. La desvenlafaxina non è stata valutata sistematicamente in pazienti con disturbi convulsivi. I pazienti con una storia di convulsioni sono stati esclusi dagli studi clinici. Devono essere prese precauzioni quando si prescrive desvenlafaxina a questi pazienti. Il trattamento deve essere interrotto in tutti i pazienti che sviluppano convulsioni.

Aggressività

L'aggressività può verificarsi in un piccolo numero di pazienti che hanno ricevuto antidepressivi, inclusa la desvenlafaxina. Questo è stato segnalato all'inizio, alla modifica della dose e all'interruzione del trattamento. Come con altri antidepressivi, devono essere prese precauzioni quando si usa desvenlafaxina in pazienti con una storia di aggressività.

Sanguinamento anomalo

Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e gli inibitori della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (SNRI), inclusa la desvenlafaxina, possono aumentare il rischio di eventi emorragici. L'uso concomitante di acido acetilsalicilico, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), warfarin e altri anticoagulanti può aumentare questo rischio. Gli eventi emorragici correlati agli SSRI e agli SNRI vanno da ecchimosi, ematomi, epistassi e petecchie a emorragie gastrointestinali e potenzialmente letali. I pazienti devono essere avvertiti del rischio di sanguinamento associato all'uso concomitante di desvenlafaxina e FANS, acido acetilsalicilico e altri medicinali che possono influenzare la coagulazione del sangue e aumentare il rischio di sanguinamento.

Gli SNRI possono aumentare il rischio di emorragia postpartum (vedere paragrafi 4.6, 4.8).

Acatisia/irrequietezza psicomotoria

L'uso di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina/inibitori della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (SSRI/SNRI) è stato associato alla comparsa di acatisia, che è caratterizzata da irrequietezza soggettivamente ansiosa o spiacevole e dalla necessità di muoversi, spesso accompagnata da difficoltà a rimanere seduti o immobili. È più probabile che si manifesti nelle prime settimane di trattamento. Nei pazienti che sviluppano questi sintomi, può essere dannoso aumentare la dose.

Iponatriemia

Durante il trattamento con SSRI o SNRI (inclusa desvenlafaxina) sono stati descritti casi di iponatriemia e/o sindrome da inappropriata secrezione di ormone antidiuretico (SIAHS). Devono essere prese precauzioni quando si usa desvenlafaxina in pazienti a rischio di iponatriemia, come pazienti con ipovolemia o coloro che sono disidratati, inclusi pazienti anziani e pazienti in trattamento con diuretici.

Sintomi da astinenza osservati all'interruzione del trattamento con SSRI/SNRI

Quando il trattamento viene interrotto, è comune vedere sintomi da astinenza, specialmente se viene interrotto improvvisamente (vedere paragrafo 4.8).

Durante la commercializzazione di SSRI/SNRI, sono stati segnalati spontaneamente effetti collaterali causati dall'interruzione di questo tipo di medicinale, soprattutto se eseguito improvvisamente. I sintomi più frequentemente riportati includono: sbalzi d'umore, irritabilità, agitazione, vertigini, alterazioni sensoriali (ad es. parestesia, comprese sensazioni di scossa elettrica), ansia, confusione, cefalea, letargia, labilità emotiva, insonnia, ipomania, tinnito e convulsioni. Sebbene questi sintomi siano generalmente autolimitanti, sono stati segnalati casi di gravi sintomi di astinenza.

Bocca asciutta

La secchezza delle fauci è riportata nel 18% dei pazienti trattati con desvenlafaxina. Ciò può aumentare il rischio di carie e i pazienti devono essere informati sull'importanza dell'igiene dentale.

Avvertenze sugli eccipienti

Le compresse a rilascio prolungato da 100 mg di Faxilex possono causare reazioni allergiche perché contengono lacca di alluminio giallo tramonto FCF (E 110).


INTERAZIONI


Quali farmaci, principi attivi o alimenti possono interagire con l'effetto di Faxilex?


Inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO)

La desvenlafaxina è controindicata nei pazienti che assumono IMAO. La desvenlafaxina è un inibitore della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina. La desvenlafaxina non deve essere somministrata in combinazione con inibitori delle monoamino ossidasi (compresi gli IMAO reversibili come linezolid o blu di metilene per via endovenosa) o prima che siano trascorsi 14 giorni dall'interruzione del trattamento con IMAO. Considerando l'emivita della desvenlafaxina, il trattamento con MAOI non deve essere iniziato prima che siano trascorsi almeno 7 giorni dall'interruzione del trattamento con desvenlafaxina (vedere paragrafo 4.3).

Medicinali che agiscono sul sistema nervoso centrale (SNC)

L'uso della desvenlafaxina in combinazione con altri medicinali che agiscono sul SNC non è stato studiato in dettaglio, tranne nei casi descritti in questa sezione. Pertanto, si raccomanda di prendere precauzioni quando si somministra desvenlafaxina in combinazione con altri medicinali che agiscono sul SNC.

Sindrome serotoninergica

Come con altri medicinali serotoninergici, questa sindrome, una condizione potenzialmente fatale, può verificarsi durante il trattamento con desvenlafaxina, specialmente durante l'uso concomitante con altri medicinali che possono influenzare i sistemi di neurotrasmissione serotoninergica (inclusi triptani, SSRI, altri SNRI, litio, sibutramina, fentanil e suoi analoghi , tramadolo, destrometorfano, tapentadolo, meperidina, metadone, pentazocina ed erba di San Giovanni [Hypericum perforatum]), con medicinali che influenzano il metabolismo della serotonina (come gli IMAO, incluso linezolid (un antibiotico che è un IMAO reversibile non selettivo) e blu di metilene , o con precursori della serotonina (come integratori di triptofano) (vedere paragrafi 4.2, 4.3 e 4.4).

Se il trattamento concomitante con desvenlafaxina e un SSRI, SNRI o agonista del recettore 5-idrossitriptamina (triptan) è clinicamente giustificato, è consigliabile monitorare molto attentamente il paziente, specialmente quando inizia il trattamento o se la sua dose viene aumentata. L'uso concomitante di desvenlafaxina e precursori della serotonina (come integratori di triptofano) non è raccomandato (4.4).

Etanolo

In uno studio clinico, è stato dimostrato che la desvenlafaxina non aumenta significativamente la compromissione della capacità mentale e motoria causata dall'etanolo. Tuttavia, come con tutti i medicinali che agiscono sul SNC, ai pazienti deve essere detto di evitare il consumo di alcol durante il trattamento con Faxilex.

Potenziale di altri medicinali di influenzare la desvenlafaxina

Inibitori del CYP3A4

Il CYP3A4 è minimamente coinvolto nell'eliminazione della desvenlafaxina. In uno studio clinico, il ketoconazolo (200 mg, due volte al giorno) ha aumentato l'area sotto la curva concentrazione-tempo (AUC) della desvenlafaxina (400 mg, dose singola) di circa il 43%, un'interazione debole, e la Cmax di circa 8%. L'uso concomitante di desvenlafaxina e potenti inibitori del CYP3A4 può portare a concentrazioni più elevate di desvenlafaxina. Pertanto, si raccomanda di prendere precauzioni nei pazienti il cui trattamento include un inibitore del CYP3A4 e desvenlafaxina in concomitanza.

Inibitori di altri enzimi CYP

Sulla base di studi in vitro, non si prevede che i medicinali che inibiscono gli isoenzimi CYP1A1, 1A2, 2A6, 2D6, 2C8, 2C9, 2C19 e 2E1 abbiano un impatto significativo sulla farmacocinetica della desvenlafaxina.

Potenziale effetto della desvenlafaxina su altri medicinali

Medicinali metabolizzati dal CYP2D6

Quando si somministra desvenlafaxina alla dose di 100 mg al giorno insieme a una dose singola di 50 mg di desipramina, un substrato del CYP2D6, l'AUC della desipramina è aumentata del 17%. Quando si somministrano 400 mg, l'AUC della desipramina è aumentata di circa il 90%. L'uso concomitante di desvenlafaxina e un medicinale metabolizzato dal CYP2D6 può portare a concentrazioni più elevate di detto medicinale. Tuttavia, studi clinici hanno dimostrato che la desvenlafaxina non ha alcun effetto clinicamente rilevante sul metabolismo del CYP2D6 alla dose di 100 mg al giorno.

Medicinali metabolizzati dal CYP3A4

In vitro, la desvenlafaxina non inibisce né induce gli isoenzimi CYP3A4.

In uno studio clinico, durante la somministrazione di 400 mg al giorno di desvenlafaxina con una dose singola di 4 mg di midazolam, un substrato del CYP3A4, l'AUC di midazolam è diminuita di circa il 31%. In un secondo studio, in cui la desvenlafaxina 50 mg al giorno è stata somministrata con una dose singola di midazolam da 4 mg, l'AUC e la Cmax di midazolam sono diminuite rispettivamente del 29% e del 14% circa.

L'uso concomitante di desvenlafaxina e medicinali substrati del CYP3A4 può portare a una minore esposizione a detti medicinali.

Medicinali metabolizzati da una combinazione di CYP2D6 e CYP3A4

È stata somministrata una singola dose di 40 mg di tamoxifene, inizialmente metabolizzato nei suoi metaboliti attivi 4-idrossi-tamoxifene ed endoxifene dal CYP2D6 con un piccolo contributo di CYP3A4, insieme a desvenlafaxina (100 mg al giorno). L'AUC del tamoxifene è aumentata del 3% con la somministrazione concomitante di desvenlafaxina. L'AUC del 4-idrossi-tamoxifene è aumentata del 9% e quella dell'endoxifene è diminuita del 12%.

Quando la desvenlafaxina è stata somministrata alla dose di 100 mg al giorno insieme a una dose singola di 5 mg di aripiprazolo, un substrato del CYP2D6 e del CYP3A4, metabolizzato nel metabolita attivo deidro-aripiprazolo, l'AUC di aripiprazolo è aumentata del 6% e quella di deidro- aripiprazolo è aumentato del 3%.

Studi clinici hanno dimostrato che la desvenlafaxina usata alla dose di 100 mg al giorno non ha effetti clinici rilevanti sui medicinali metabolizzati da una combinazione degli enzimi CYP2D6 e CYP3A4.

Interazioni con i test di laboratorio

Sono stati riportati falsi positivi nei test immunologici nelle urine per la fenciclidina (PCP) e le anfetamine in pazienti che assumono desvenlafaxina. Ciò è dovuto alla mancanza di specificità nei test condotti. Si possono prevedere falsi positivi nei test per diversi giorni dopo l'interruzione del trattamento con desvenlafaxina. Test di conferma come la gascromatografia o la spettrometria di massa distingueranno la desvenlafaxina dalla PCP e dall'anfetamina.

Terapia elettroconvulsiva

Non ci sono dati clinici che stabiliscano i rischi e/oi benefici della terapia elettroconvulsivante associata al trattamento con desvenlafaxina.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE


Come si usa Faxilex? Dosi e modo d'uso


Posologia

La dose raccomandata di desvenlafaxina è di 50 mg somministrata una volta al giorno, con o senza cibo. L'intervallo della dose terapeutica è compreso tra 50 e 200 mg una volta al giorno. La dose deve essere aumentata solo dopo valutazione clinica e non deve superare i 200 mg. A causa degli effetti collaterali correlati alla dose, deve essere mantenuta la dose efficace più bassa. Se è indicato aumentare la dose, questo deve essere fatto gradualmente, ad intervalli di almeno 7 giorni.

Il consenso generale è che gli episodi acuti del disturbo depressivo maggiore richiedono un trattamento farmacologico in corso per diversi mesi o più. I pazienti devono mantenere la stessa dose con cui hanno mostrato una risposta. Devono essere rivalutati periodicamente per determinare la necessità di continuare il trattamento.

Si raccomanda di assumere le compresse di desvenlafaxina all'incirca alla stessa ora ogni giorno. Le compresse devono essere deglutite intere con del liquido, senza dividerle, schiacciarle, masticarle o dissolverle.

Compromissione epatica

Non è necessario aggiustare la dose per i pazienti con compromissione epatica (vedere paragrafo 5.2).

Compromissione renale

Per i pazienti con compromissione renale grave (clearance della creatinina nelle 24 ore [CrCl] <30 ml/min) o malattia renale terminale (TKD), la dose iniziale raccomandata è di 50 mg a giorni alterni.

Poiché in questi pazienti è stata osservata un'ampia variabilità interindividuale della clearance, si raccomanda di stabilire la dose per ciascun paziente individualmente. Non devono essere somministrate dosi aggiuntive ai pazienti dopo la dialisi.

Pazienti anziani

La dose non deve essere aggiustata semplicemente in base all'età. Tuttavia, quando si determina la dose nei pazienti anziani, si deve ricordare che ci può essere una riduzione della clearance renale della desvenlafaxina (vedere Compromissione renale). Le dosi devono essere aumentate con cautela per ridurre il rischio di ipotensione ortostatica (vedere paragrafi 4.8 e 5.2).

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l'efficacia della desvenlafaxina nei pazienti di età inferiore a 18 anni non sono state stabilite (vedere paragrafo 4.4).

Interruzione della desvenlafaxina

Sono stati riportati sintomi associati all'interruzione della desvenlafaxina, altri SNRI e SSRI. L'interruzione brusca dovrebbe essere evitata quando possibile. Quando si interrompe il trattamento con desvenlafaxina, la dose deve essere ridotta gradualmente in un periodo di almeno una o due settimane al fine di ridurre il rischio di reazioni da sospensione (2 settimane o più nei pazienti trattati per più di 6 settimane) (vedere paragrafi 4.4 e 4.8).

Se si verificano sintomi intollerabili in seguito a una diminuzione della dose o all'interruzione del trattamento, si può prendere in considerazione la possibilità di riprendere la dose precedentemente prescritta. Successivamente, il medico può continuare a ridurre la dose, ma in modo più graduale.

Passaggio del trattamento da altri antidepressivi alla desvenlafaxina

Sono stati riportati sintomi da astinenza quando il trattamento è passato da altri antidepressivi, inclusa la venlafaxina, alla desvenlafaxina. Per ridurre al minimo i sintomi da astinenza, potrebbe essere necessario ridurre gradualmente l'antidepressivo iniziale.

Utilizzo di desvenlafaxina con IMAO reversibili come linezolid o blu di metilene

Non iniziare il trattamento con desvenlafaxina in pazienti in trattamento con un IMAO reversibile come il linezolid o in quelli a cui è stato somministrato blu di metilene per via endovenosa, poiché ciò aumenterà il rischio di sindrome serotoninergica (vedere paragrafo 4.3). Nei pazienti che richiedono un trattamento più urgente a causa di un disturbo psichiatrico, deve essere preso in considerazione un trattamento non farmacologico, compreso il ricovero in ospedale.

In alcuni casi, i pazienti in trattamento con desvenlafaxina richiedono un trattamento urgente con linezolid o blu di metilene per via endovenosa. Se non esistono trattamenti alternativi accettabili e si ritiene che i potenziali benefici del trattamento con linezolid o con blu di metilene per via endovenosa superino il rischio di sindrome serotoninergica in un dato paziente, il trattamento con desvenlafaxina deve essere interrotto immediatamente e si può somministrare linezolid o blu di metilene per via endovenosa. Il paziente deve essere monitorato nel caso in cui i sintomi della sindrome serotoninergica compaiano entro due settimane o fino a 24 ore dopo l'ultima dose di linezolid o blu di metilene per via endovenosa, a seconda di quale evento si verifica per primo (vedere paragrafo 4.4). Il trattamento con desvenlafaxina può essere ripreso 24 ore dopo l'ultima dose di linezolid o blu di metilene per via endovenosa.

Modo di somministrazione

Orale.


SOVRADOSAGGIO


Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Faxilex?


C'è poca esperienza clinica sul sovradosaggio di desvenlafaxina negli esseri umani. Negli studi clinici pre-marketing non sono stati segnalati casi di sovradosaggio fatale di desvenlafaxina. Deve essere prescritto il minor numero possibile di compresse per ridurre il rischio di sovradosaggio.

Dei pazienti inclusi negli studi clinici sulla MDD, quattro adulti hanno assunto dosi superiori a 800 mg di desvenlafaxina (4.000 mg [solo desvenlafaxina], 900, 1.800 e 5.200 mg [in combinazione con altri medicinali]); tutti i pazienti sono guariti. Inoltre, il figlio di 11 mesi di uno dei pazienti ha ingerito accidentalmente 600 mg di desvenlafaxina, è stato curato e guarito.

Il trattamento di un sovradosaggio deve comportare l'adozione di misure generali utilizzate per il sovradosaggio con qualsiasi SSRI/SNRI. Devono essere fornite un'adeguata ossigenazione e ventilazione. La frequenza cardiaca e i segni vitali devono essere monitorati. Si raccomandano anche misure generali di supporto e sintomatiche. Se necessario, può essere indicata una lavanda gastrica utilizzando un sondino orogastrico di grosso calibro con adeguata protezione delle vie aeree se eseguita immediatamente dopo l'ingestione o in pazienti sintomatici. Deve essere somministrato anche carbone attivo. Non sono noti antidoti specifici per la desvenlafaxina. Indurre il vomito non è raccomandato. A causa del volume moderato di distribuzione del medicinale, il beneficio della diuresi forzata, della dialisi, dell'emoperfusione e dell'exsanguinotrasfusione è discutibile (vedere paragrafo 5.2).

Nel trattamento del sovradosaggio, deve essere presa in considerazione la possibilità che il paziente possa aver ingerito diversi medicinali. Il medico deve decidere se è necessario contattare un servizio di informazioni tossicologiche per ulteriori informazioni su come trattare un sovradosaggio.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO


E' possibile prendere Faxilex durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

I dati relativi all'uso della desvenlafaxina nelle donne in gravidanza non sono disponibili o sono disponibili in quantità limitate. Gli studi sugli animali hanno mostrato tossicità riproduttiva (vedere paragrafo 5.3). La desvenlafaxina deve essere somministrata alle donne in gravidanza solo se i benefici attesi superano i possibili rischi.

I dati epidemiologici hanno suggerito che l'uso di SSRI in gravidanza, specialmente verso la fine della gravidanza, può aumentare il rischio di ipertensione polmonare persistente del neonato (PPHN). Sebbene nessuno studio abbia indagato l'associazione tra trattamento con PPHN e SNRI, il possibile rischio con desvenlafaxina non può essere escluso considerando il relativo meccanismo d'azione (inibizione della ricaptazione della serotonina).

Se la desvenlafaxina viene utilizzata durante la gravidanza o appena prima del parto, nel neonato possono svilupparsi sintomi di astinenza. Nei neonati esposti a SSRI o SNRI, inclusa la venlafaxina, dopo il terzo trimestre sono state descritte complicanze che hanno richiesto supporto respiratorio, alimentazione tramite sondino o ospedalizzazione prolungata. Queste complicazioni possono verificarsi immediatamente dopo il parto.

I dati osservativi indicano un aumento del rischio (meno di 2 volte) di emorragia postpartum a seguito di esposizione a SSRI/SNRI entro il mese precedente la nascita (vedere paragrafi 4.4, 4.8).

Allattamento

La desvenlafaxina è escreta nel latte umano. A causa delle potenziali reazioni avverse gravi nei neonati allattati al seno esposti alla desvenlafaxina, si deve decidere se interrompere l'allattamento o interrompere/astenersi dalla terapia con Faxilex tenendo conto del beneficio dell'allattamento al seno per il bambino e il beneficio della terapia per la donna.


GUIDA DI VEICOLI E USO DI MACCHINARI


Effetti di Faxilex sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari


La desvenlafaxina può causare sedazione e vertigini. Di conseguenza, ai pazienti deve essere detto che se avvertono sedazione o vertigini, devono evitare di svolgere attività potenzialmente pericolose, come guidare o usare macchinari.


PRINCIPIO ATTIVO


Ciascuna compressa contiene 50 mg di desvenlafaxina (come benzoato).

Ciascuna compressa contiene 100 mg di desvenlafaxina (come benzoato).

Eccipiente con effetto noto

Ogni compressa da 100 mg contiene 0,145 mg di lacca di alluminio giallo tramonto FCF (E110), vedere paragrafo 4.4.

Per l'elenco completo degli eccipienti vedere paragrafo 6.1.


SCADENZA E CONSERVAZIONE


Scadenza: 24 mesi

Questo medicinale non richiede alcuna condizione speciale di conservazione.


NATURA E CONTENUTO DEL CONTENITORE


Blister in alluminio-PVC/PE/PVdC o blister in alluminio-OPA/Alu/PVC.

50 mg: Blister contenenti 10, 20, 28, 30, 50, 100 compresse

100 mg: Blister contenenti 10, 28, 30, 50, 100 compresse


PATOLOGIE CORRELATE


Data ultimo aggiornamento: 06/04/2023

Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico



Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Dieta proteica: attenzione agli eccessi
Alimentazione
11 giugno 2024
Notizie e aggiornamenti
Dieta proteica: attenzione agli eccessi
Demenza: che dieta per prevenirla?
Alimentazione
06 giugno 2024
Notizie e aggiornamenti
Demenza: che dieta per prevenirla?
Adolescenti: i social sono pericolosi?
Mente e cervello
03 giugno 2024
Notizie e aggiornamenti
Adolescenti: i social sono pericolosi?
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su YoutubeSeguici su Instagram
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa