Netildex 3 mg/ml + 1 mg/m collirio, soluzione 20 contenitori monodose da 0,3 ml

Ultimo aggiornamento: 09 ottobre 2017
Farmaci - Netildex

Netildex 3 mg/ml + 1 mg/m collirio, soluzione 20 contenitori monodose da 0,3 ml




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

S.I.F.I. Società Industria Farmaceutica Italiana S.p.A.

MARCHIO

Netildex

CONFEZIONE

3 mg/ml + 1 mg/m collirio, soluzione 20 contenitori monodose da 0,3 ml

ALTRE CONFEZIONI DI NETILDEX DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
desametasone + netilmicina

FORMA FARMACEUTICA
collirio

GRUPPO TERAPEUTICO
Corticosteroidi + antibatterici

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
20,95 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Netildex 3 mg/ml + 1 mg/m collirio, soluzione 20 contenitori monodose da 0,3 ml

NETILDEX è indicato negli stati infiammatori del segmento anteriore dell'occhio, post-operatori e non, in presenza o a rischio di infezione batterica.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Netildex 3 mg/ml + 1 mg/m collirio, soluzione 20 contenitori monodose da 0,3 ml

Ipersensibilità ai principi attivi, agli antibiotici aminoglicosidici o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati nel paragrafo (qui non riportato) 6.1.

Il prodotto contiene corticosteroidi e quindi è controindicato in pazienti affetti da:

  1. ipertensione intraoculare,
  2. cheratite erpetica o altre infezioni oculari causate da Herpes simplex,
  3. malattie virali della cornea e della congiuntiva,
  4. infezioni fungine dell'occhio,
  5. infezioni oculari da micobatteri.



AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Netildex 3 mg/ml + 1 mg/m collirio, soluzione 20 contenitori monodose da 0,3 ml

Quando si prescrive NETILDEX, occorre tenere in considerazione le linee guida ufficiali per l'uso appropriato di agenti antibatterici.

NETILDEX è per esclusivo uso oftalmico e non deve essere somministrato per via orale, per via sottocongiuntivale o introdotto in camera anteriore.

In occasione di trattamenti protratti oltre i 15 giorni è opportuno controllare regolarmente la pressione intraoculare.

L'uso prolungato potrebbe determinare ipertensione oculare/glaucoma con conseguente danno del nervo ottico e difetti dell'acuità visiva e del campo visivo.

L'uso prolungato di corticosteroidi potrebbe causare:

  1. insorgenza di cataratta subcapsulare posteriore,
  2. ritardata cicatrizzazione delle ferite,
  3. riduzione delle capacità immunitarie con conseguente aumento del rischio di infezioni oculari secondarie, in particolare di natura micotica o virale.
Nelle infezioni purulente dell'occhio la somministrazione di corticosteroidi può mascherare o aggravare l'infezione. Nelle patologie che provocano assottigliamento della cornea o della sclera è stato riportato che l'uso di corticosteroidi topici può provocare la perforazione corneale o sclerale.

In alcuni pazienti può verificarsi ipersensibilità agli aminoglicosidi per uso topico. Se questa si verifica, interrompere l'uso.

Questo prodotto contiene desametasone e deve essere usato con cautela nei pazienti con glaucoma e deve essere considerato con attenzione nei pazienti con una storia familiare di questa malattia.

Sindrome di Cushing e/o soppressione surrenalica associate con l'assorbimento sistemico di desametasone oculare possono verificarsi dopo terapia intensiva o continuata per lunghi periodi in pazienti predisposti, compresi bambini e pazienti trattati con inibitori del CYP3A4 (compresi ritonavir e cobicistat). In questi casi, il trattamento dovrebbe essere sospeso progressivamente.

Questo prodotto contiene fosfati che possono portare a depositi corneali o opacità corneale, quando somministrato per via topica. Deve essere usato con cautela nei pazienti con cornea compromessa e nei casi in cui il paziente è sottoposto a terapia multipla con altri farmaci oculari contenenti fosfato .

Nel caso in cui, entro pochi giorni, non si ottenessero miglioramenti del quadro clinico o se si verificassero fenomeni di ipersensibilità o di irritazione, occorre sospendere il trattamento e ricorrere ad una terapia adeguata.

NETILDEX collirio multidose contiene benzalconio cloruro, che è comunemente utilizzato come conservante nei prodotti oftalmici. È stato riportato che il benzalconio cloruro può causare cheratopatia puntata e/o cheratopatia tossico ulcerativa e irritazione oculare. Un attento monitoraggio è richiesto nel caso di uso frequente o prolungato di Netildex, o in condizioni in cui è compromessa la cornea.

È opportuno procedere a regolari controlli in caso di uso di NETILDEX collirio multidose in pazienti con pregresse anomalie corneali, oppure utilizzare NETILDEX collirio monodose senza conservante.

Uso di lenti a contatto

NETILDEX collirio multidose contiene benzalconio cloruro, che è noto scolorire le lenti a contatto morbide.

Le lenti a contatto morbide possono inoltre assorbire il benzalconio cloruro e devono essere rimosse prima di somministrare Netildex collirio multidose, ma possono essere riapplicate dopo 15 minuti .

Se necessario, è possibile considerare l'uso contemporaneo di NETILDEX in contenitori monodose senza conservante e di lenti a contatto morbide.

Popolazione pediatrica

NETILDEX non è raccomandato per i bambini e gli adolescenti .


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Netildex 3 mg/ml + 1 mg/m collirio, soluzione 20 contenitori monodose da 0,3 ml

Non sono stati effettuati studi di interazione con NETILDEX.

Di seguito sono riportate informazioni su ciascuno dei componenti attivi.

Netilmicina:

Non sono state segnalate interazioni farmacologiche significative con l'uso della netilmicina in collirio.

La contemporanea somministrazione di altri antibiotici potenzialmente nefrotossici ed ototossici (anche topica, specie se intracavitaria) può accrescere il rischio di tali effetti.

È stato riferito un aumento della nefrotossicità potenziale di alcuni aminoglicosidi a seguito della somministrazione successiva o contemporanea di altre sostanze potenzialmente nefrotossiche, quali cisplatino, polimixina B, colistina, viomicina, streptomicina, vancomicina, altri aminoglicosidi ed alcune cefalosporine (cefaloridina) o di diuretici potenti quali l'acido etacrinico e la furosemide per le ripercussioni sul rene.

La somministrazione contemporanea o successiva di questi farmaci con netilmicina deve essere evitata.

In vitro, l'associazione di un aminoglicoside con un antibiotico betalattamico (penicilline o cefalosporine) può causare una reciproca e significativa inattivazione. Anche quando un antibiotico aminoglicosidico ed uno penicillino-simile sono stati somministrati attraverso due vie differenti, è stata riportata una riduzione dell'emivita o dei livelli plasmatici dell'aminoglicoside in pazienti con insufficienza renale ed in alcuni pazienti con funzionalità renale normale.

Desametasone:

In pazienti predisposti al glaucoma acuto ad angolo chiuso, il rischio di aumento della pressione intraoculare associato ad una prolungata terapia con corticosteroidi può verificarsi con maggiore probabilità con l'uso concomitante di farmaci anticolinergici, in particolare atropina e composti correlati.

Gli inibitori del CYP3A4 (compresi ritonavir e cobicistat) possono diminuire la clearance del desametasone con conseguente aumento degli effetti e della soppressione surrenalica/sindrome di Cushing. La combinazione dovrebbe essere evitata a meno che il beneficio non superi il rischio degli effetti collaterali sistemici dei corticosteroidi, in questo caso i pazienti dovrebbero essere monitorati per gli effetti sistemici dei corticosteroidi.

Il rischio di depositi corneali o di opacità della cornea può verificarsi con maggiore probabilità in pazienti con cornea compromessa in politerapia con altri farmaci oculari contenenti fosfato.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Netildex 3 mg/ml + 1 mg/m collirio, soluzione 20 contenitori monodose da 0,3 ml

Adulti (compresi gli anziani)

Instillare nel sacco congiuntivale dell'occhio affetto una goccia di collirio 4 volte al dì o secondo prescrizione medica.

Quando si utilizza l'occlusione nasolacrimale o la chiusura delle palpebre per 2 minuti, l'assorbimento sistemico è ridotto.

Questo può comportare una diminuzione degli effetti collaterali sistemici e un aumento dell'attività locale.

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l'efficacia di NETILDEX in bambini e adolescenti con meno di 18 anni di età non è stata ancora stabilita.

Non ci sono dati disponibili.

Nei pazienti pediatrici il prodotto deve essere somministrato solo dopo una attenta valutazione rischio-beneficio e sotto stretto controllo medico.

Modo di somministrazione

Contenitore multidose

Assicurarsi che il flacone sia integro prima dell'uso.

  1. Lavarsi le mani e mettersi seduti o in posizione comoda.
  2. Avvitare il tappo a fondo fino a perforare il flacone, quindi svitare il tappo.
  3. Inclinare la testa all'indietro.
  4. Tirare delicatamente con le dita verso il basso la palpebra inferiore dell'occhio interessato.
  5. Capovolgere il flacone e posizionare la punta del flacone vicino all'occhio, ma senza toccarlo.
    Non toccare l'occhio o la palpebra con la punta del contagocce.
  6. Premere delicatamente il flacone in modo da somministrare solo una goccia, quindi rilasciare la palpebra inferiore.
  7. Chiudere l'occhio e premere un dito contro l'angolo dell'occhio interessato vicino al naso. Tenere premuto per 2 minuti.
  8. Ripetere nell'altro occhio secondo prescrizione medica.
  9. Rimettere il tappo al flacone.

Contenitore monodose

Assicurarsi che il contenitore monodose sia integro prima dell'uso.

  1. Lavarsi le mani e mettersi seduti o in posizione comoda.
  2. Separare il contenitore monodose dalla strip.
  3. Aprire ruotando la parte superiore senza tirare.
  4. Inclinare la testa all'indietro.
  5. Tirare delicatamente con le dita verso il basso la palpebra inferiore dell'occhio interessato.
  6. Capovolgere il contenitore monodose e posizionare la punta del contenitore monodose vicino all'occhio, ma senza toccarlo.
    Non toccare l'occhio o la palpebra con la punta del contenitore monodose.
  7. Premere il contenitore monodose in modo da somministrare solo una goccia, quindi rilasciare la palpebra inferiore.
  8. Chiudere l'occhio e premere un dito contro l'angolo dell'occhio interessato vicino al naso. Tenere premuto per 2 minuti.
  9. Ripetere nell'altro occhio secondo prescrizione medica.
  10. Gettare dopo l'uso.
NETILDEX collirio monodose deve essere utilizzato immediatamente dopo l'apertura.

Dopo la somministrazione, il contenitore monodose e il contenuto non utilizzato devono essere eliminati.

Precauzioni che devono essere prese prima della manipolazione o della somministrazione del medicinale

Se si indossano le lenti a contatto, queste devono essere rimosse prima dell'instillazione del collirio multidose e possono essere riapplicate dopo 15 minuti .

I pazienti devono essere informati che il collirio, se maneggiato in modo errato, può essere contaminato da batteri che possono determinare infezioni oculari. L'utilizzo di collirio contaminato può determinare lesioni oculari gravi e conseguente perdita della vista.

Se si utilizza più di un farmaco oftalmico topico, questi devono essere somministrati ad almeno dieci minuti l'uno dall'altro.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Netildex 3 mg/ml + 1 mg/m collirio, soluzione 20 contenitori monodose da 0,3 ml

Non sono stati riportati casi di sovradosaggio.

Nel caso che venga ingerito l'intero contenuto di un contenitore multidose di NETILDEX (contenente 5 mg di desametasone) si potrebbero verificare degli effetti indesiderati. In questo caso consultare immediatamente il proprio medico.


EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Netildex 3 mg/ml + 1 mg/m collirio, soluzione 20 contenitori monodose da 0,3 ml

Gli effetti indesiderati possibili in seguito all'utilizzo di NETILDEX possono essere attribuiti al componente corticosteroide, al componente anti-infettivo o alla loro combinazione.

Possibili effetti indesiderati dovuti al desametasone sono:

  1. aumento della pressione intraoculare dopo 15-20 giorni di applicazione topica in pazienti predisposti o glaucomatosi,
  2. formazione di cataratta subcapsulare posteriore in seguito a trattamenti prolungati,
  3. sviluppo o aggravamento di infezioni da Herpes simplex o fungine,
  4. ritardo della cicatrizzazione
  5. sindrome di Cushing, soppressione surrenalica .
In tutti questi casi è opportuno sospendere il trattamento e ricorrere ad una terapia adeguata.

Possibili effetti indesiderati dovuti alla netilmicina:

L'effetto indesiderato più comune con l'uso topico di netilmicina è l'ipersensibilità. Questa si manifesta con iperemia congiuntivale, bruciore e prurito. Tali fenomeni possono riscontrarsi in meno del 3% dei pazienti trattati e sono possibili anche dopo l'uso topico di altri antibiotici aminoglicosidici.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo: www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.


CONSERVAZIONE



Collirio multidose e monodose:

Conservare a temperatura inferiore ai 30 °C.

Conservare nel contenitore originale.

Per le condizioni di conservazione dopo prima apertura del medicinale, vedere paragrafo (qui non riportato) 6.3.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Potrebbe interessarti
Il soggiorno marino in spiagge tropicali
Malattie infettive
19 agosto 2018
Libri e pubblicazioni
Il soggiorno marino in spiagge tropicali
Morsi di zecca, come comportarsi
Malattie infettive
17 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Morsi di zecca, come comportarsi
A Capo Nord per la sclerodermia
Pelle
16 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
A Capo Nord per la sclerodermia
L'esperto risponde