Tinset 5% u.est. gel 30 g

Ultimo aggiornamento: 14 giugno 2018
Farmaci - Tinset

Tinset 5% u.est. gel 30 g




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Grunenthal Italia S.r.l.

MARCHIO

Tinset

CONFEZIONE

5% u.est. gel 30 g

ALTRE CONFEZIONI DI TINSET DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
oxatomide idrato

FORMA FARMACEUTICA
gel

GRUPPO TERAPEUTICO
Antiallergici antistaminici

CLASSE
C

RICETTA
medicinale non soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
DISCR.


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Tinset 5% u.est. gel 30 g

Trattamento sintomatico locale di dermatiti pruriginose, eritema solare, punture d'insetto.


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Tinset 5% u.est. gel 30 g

Ipersensibilità al principio attivo, o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo (qui non riportato) 6.1. Insufficienza epatica.


AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Tinset 5% u.est. gel 30 g

L'uso specie se prolungato dei medicinali per uso cutaneo può dare origine a fenomeni di sensibilizzazione, ove ciò si verifichi occorre interrompere il trattamento. Per evitare un assorbimento sistemico del medicinale, evitare l'applicazione su lesioni estese, nonché su zone di cute con vesciche, su piaghe vive e superfici essudanti. Evitare il contatto con gli occhi o con le mucose. Nel caso di eritema solare non esporre la pelle successivamente al sole.

In caso di assorbimento sistemico del medicinale sono stati segnalati casi di epatite, danno epatico, ittero e modifiche della funzionalità epatica (aumento da moderato a consistente degli enzimi epatici), inclusi casi molto rari di insufficienza epatica fatale. I pazienti devono essere attentamente osservati per gli effetti indesiderati a livello epatico. In caso di valori epatici anormali, vanno prese le misure del caso come l'interruzione del trattamento e la terapia con Tinset non deve essere ripresa. Sia in adulti che in bambini sono stati osservati discinesia e sintomi extrapiramidali. I sintomi extrapiramidali sono risultati più frequenti nei bambini. Probabilmente i bambini sono più suscettibili agli effetti sul sistema nervoso centrale a causa dell'immaturità della barriera emato-encefalica. Pertanto va raccomandata cautela nei bambini tra 1 e 6 anni di età e particolarmente in quelli fra 12 e 24 mesi.


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Tinset 5% u.est. gel 30 g

In seguito all'uso cutaneo del medicinale non si sono evidenziate interazioni.

I pazienti devono essere informati che dopo la somministrazione per via sistemica di Tinset si può avere un aumento dell'effetto sedativo di sostanze deprimenti il sistema nervoso centrale, inclusi alcool, barbiturici, ipnotici, analgesici narcotici, sedativi, ansiolitici ed antipsicotici. Gli effetti indesiderati dei farmaci anticolinergici possono essere aumentati dalla concomitante somministrazione di Tinset. L'uso concomitante di MAO inibitori e Tinset non è raccomandabile.

L'oxatomide, come altri antistaminici, può interferire con i test allergenici cutanei e pertanto il trattamento deve essere interrotto per almeno 3 giorni prima del test cutaneo.


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Tinset 5% u.est. gel 30 g

Applicare il gel 2-3 volte al giorno esclusivamente su zone circoscritte. Non utilizzare con bendaggi occlusivi.


SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Tinset 5% u.est. gel 30 g

Dato lo scarso assorbimento sistemico di Tinset gel, il rischio di sovradosaggio è molto basso.

Tuttavia, in caso di ingestione accidentale, possono presentarsi tutte le reazioni avverse riportate a seguito di trattamento con Tinset orale. Si riportano di seguito i sintomi apparsi a seguito di sovradosaggio con Tinset nelle forme farmaceutiche orali:

Sintomi: i sintomi più comunemente riportati dopo un sovradosaggio sono: sonnolenza, stupore e sintomi extrapiramidali come discinesia, torcicollo, movimenti involontari degli occhi, distonia e ipertonia. Meno comuni sono ipereccitabilità ed agitazione. Molto raramente sono stati riportati midriasi e spasmi muscolari generalizzati. Dopo il sovradosaggio sono stati segnalati casi molto rari di coma, perdita di conoscenza e prolungamento dell'intervallo QT.

Trattamento: non vi sono antidoti specifici. Il trattamento consiste nello stretto monitoraggio dei segni vitali e misure di supporto. Si deve effettuare un ECG per valutare l'intervallo QT Se considerato appropriato, si può somministrare carbone attivo. I sintomi extrapiramidali sono stati trattati, con successo con agenti anticolinergici.


CONSERVAZIONE



Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.
Validità dopo la prima apertura: 6 mesi




PATOLOGIE ASSOCIATE







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Pediculosi
Infanzia
12 agosto 2018
Libri e pubblicazioni
Pediculosi
Sudamina (caldo eccessivo)
Pelle
05 agosto 2018
Libri e pubblicazioni
Sudamina (caldo eccessivo)
Bellezza e benessere delle mani in cinque step
Pelle
03 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Bellezza e benessere delle mani in cinque step
L'esperto risponde