Nitrosorbide

25 gennaio 2020

Nitrosorbide




Nitrosorbide è un farmaco a base di isosorbide dinitrato, appartenente al gruppo terapeutico Nitrati. E' commercializzato in Italia da Istituto Luso Farmaco d'Italia S.p.A..


Confezioni e formulazioni di Nitrosorbide (isosorbide dinitrato) disponibili


Seleziona una delle seguenti confezioni di Nitrosorbide (isosorbide dinitrato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Nitrosorbide (isosorbide dinitrato) e perchè si usa


La Nitrosorbide fiale è indicata nel trattamento dell'angina pectoris instabile o particolarmente grave, che non risponde alla terapia orale. Il preparato è indicato, inoltre, nel trattamento dell'insufficienza ventricolare sinistra, secondaria ad infarto acuto del miocardio o ad altre cause, resistente alle abituali terapie.



Come usare Nitrosorbide (isosorbide dinitrato): posologia, dosi e modo d'uso


Le fiale di Nitrosorbide devono essere somministrate unicamente per infusione venosa previa diluizione in soluzione fisiologica o altre soluzioni di comune impiego. La dose deve essere adattata alla risposta del paziente; in generale si consiglia una dose variabile da 2 a 7 mg/ora, fino ad un massimo di 10 mg/ora.

La diluizione delle fiale nel liquido di infusione deve essere fatta immediatamente prima dell'uso e durante l'infusione devono essere attentamente controllate la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca del paziente.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Nitrosorbide (isosorbide dinitrato)


La Nitrosorbide fiale è controindicata in presenza di collasso cardiocircolatorio, di ipotensione grave e nei casi di accertata ipersensibilità al farmaco.

Nello shock cardiogeno il farmaco può essere utilizzato a condizione di mantenere una adeguata pressione diastolica aortica.

Il sildenafil potenzia gli effetti ipotensivi dei nitrati e, pertanto, la sua co-somministrazione con nitrati organici è controindicata (vedere paragrafo interazioni).



Nitrosorbide (isosorbide dinitrato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Nelle donne in stato di gravidanza e nella prima infanzia il prodotto va somministrato solo nei casi di effettiva necessità, sotto il diretto controllo del medico.



Quali sono gli effetti collaterali di Nitrosorbide (isosorbide dinitrato)


Cefalea, vasodilatazione cutanea con arrossamenti, episodi transitori di vertigini ed astenia, ipotensione arteriosa ortostatica, manifestazioni cutanee, dermatite esfoliativa.

Occasionalmente può aversi una spiccata sensibilità agli effetti ipotensivi dei nitroderivati con comparsa anche a dosi terapeutiche di sintomi accentuati quali: nausea, vomito, astenia, agitazione, pallore, sudorazione e collasso.

L'alcool può aumentare questi effetti.



Nitrosorbide (isosorbide dinitrato) è utilizzato per la cura delle seguenti patologie:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube