Ranitidina Aurobindo Italia

09 dicembre 2021

Ranitidina Aurobindo Italia



Nota: Per informazioni su farmaci e confezioni ritirate dal commercio accedi al portale AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).


Cos'è Ranitidina Aurobindo Italia (ranitidina cloridrato)


Ranitidina Aurobindo Italia è un farmaco a base di ranitidina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Antiulcera.

A cosa serve Ranitidina Aurobindo Italia e perchè si usa


Ranitidina compresse è indicata per:

Adulti
  • Per il trattamento delle patologie del tratto gastrointestinale superiore laddove è necessario ridurre la secrezione acida gastrica:
    • Ulcera duodenale
    • Ulcera gastrica benigna
    • Esofagite da reflusso
    • Sindrome di Zollinger-Ellison
    • Ulcera duodenale e ulcera gastrica causata da una terapia con inibitori della sintesi delle prostaglandine (FANS, come l'aspirina)
  • Prevenzione di ulcere recidivanti
Bambini (dai 3 ai 18 anni)
  • Trattamento a breve termine dell'ulcera peptica
  • Trattamento del reflusso gastroesofageo, inclusi l'esofagite da reflusso e il sollievo dei sintomi della malattia da reflusso gastroesofageo.

Indicazioni: come usare Ranitidina Aurobindo Italia, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Adulti

Per il trattamento delle ulcere duodenali e delle ulcere gastriche benigne, la dose giornaliera è di 300 mg/die, somministrata come 1 compressa da 300 mg la sera prima di coricarsi, o di una compressa da 150 mg al mattino e una compressa da 150 mg la sera prima di coricarsi. La durata del trattamento è di 4 settimane e può essere prolungata a 8 settimane.

Nella terapia di mantenimento dei pazienti con ulcere recidivanti, la dose giornaliera è di 150 mg/die, assunta la sera prima di coricarsi. Durata del trattamento: secondo le istruzioni del medico. Per i fumatori può essere considerata una dose più elevata (300 mg).

Per il trattamento dell'esofagite da reflusso, la dose giornaliera è di 300 mg/die, assunta come 1 compressa da 300 mg la sera prima di coricarsi, o una compressa da 150 mg al mattino e una compressa da 150 mg la sera prima di coricarsi. La durata del trattamento è di almeno 8 settimane. In caso di risposta inadegauta al trattamento, la dose giornaliera può essere aumentata a 600 mg al giorno per 8 settimane.

Nella terapia di mantenimento dei pazienti con esofagite da reflusso, la dose giornaliera è di 300 mg/die, assunta come una compressa da 150 mg al mattino e una compressa da 150 mg la sera prima di coricarsi. Durata del trattamento: secondo le istruzioni del medico.

Nei pazienti con secrezione acida gastrica molto elevata come nella Sindome di Zolliger-Ellison, la dose iniziale è: 3 volte 150 mg/die. Se necessario la dose può essere aumentata a 600-900 mg/die. Durata del trattamento: secondo le istruzioni del medico. In alcuni pazienti, la misurazione della secrezione acida gastrica può indicare che è necessaria una dose più elevata. Sono state utilizzate dosi giornaliere fino a 900 mg.

Per il trattamento delle ulcere gastriche e duodenali in seguito a terapia con inibitori della sintesi delle prostaglandine (FANS), la dose è 150 mg due volte al giorno fino a 12 settimane.

Popolazione pediatrica

Bambini dai 12 anni e in su

Per i bambini dai 12 anni in su viene somministrata la stessa dose degli adulti.

Bambini da 3 a 11 anni e peso superiore a 30 kg

Vedere paragrafo 5.2 Proprietà farmacocinetiche (Altre popolazioni speciali).

Questa formulazione non è adatta ai bambini tra 3 e 11 anni di età poichè la compressa non può essere divisa per aggiustare la dose in base al peso, né può essere frantumata per facilitare la deglutizione. Per i bambini tra 3 e 11 anni di età possono essere disponibili altre formulazioni più adatte.

Trattamento acuto dell'ulcera peptica

La dose orale raccomandata per il trattamento dell'ulcera peptica nei bambini è compresa tra 4 mg/kg/die e 8 mg/kg/die somministrati in due dosi suddivise fino ad un massimo di 300 mg di ranitidina al giorno per la durata di 4 settimane. Per i pazienti con guarigione incompleta sono indicate altre 4 settimane di terapia, in quanto generalmente la guarigione avviene dopo 8 settimane di trattamento.

Reflusso gastroesofageo

La dose orale raccomandata per il trattamento del reflusso gastroesofageo nei bambini è compresa tra 5 mg/kg/die e 10 mg/kg/die somministrati in due dosi suddivise fino ad un massimo di 600 mg (la dose massima è probabilmente da applicarsi a bambini ed adolescenti con peso maggiore e con sintomi gravi).

Neonati

La sicurezza e l'efficacia nei neonati non sono state stabilite.

Dosaggio nel danno renale

Ranitidina è escreta per via renale. Nei pazienti con grave danno renale (clearance della ranitidina inferiore a 50 ml/min) i livelli plasmatici sono aumentati e sono di maggiore durata. In questi pazienti si raccomanda che la dose giornaliera sia ridotta a 150 mg somministrata la sera prima di coricarsi.

Modo di somministrazione

Non è necessario assumere Ranitidina Aurobindo Italia con del cibo.

Le compresse non devono essere frantumate o masticate. Le compresse devono essere deglutite intere.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Ranitidina Aurobindo Italia


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Ranitidina Aurobindo Italia può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

La ranitidina attraversa la barriera placentare. Come altri farmaci deve essere somministrata durante la gravidanza solo se considerata di assoluta necessità.

Allattamento

La ranitidina è escreta nel latte materno. Come altri farmaci deve essere somministrata durante l'allattamento solo se considerata di assoluta necessità.

Fertilità

Non ci sono dati relativi all'effetto della ranitidina sulla fertilità umana. Gli studi sugli animali non hanno evidenziato effetti sulla fertilità in maschi e femmine (vedere paragrafo 5.3 ).

Quali sono gli effetti indesiderati di Ranitidina Aurobindo Italia


Per la classificazione della frequenza degli effetti indesiderati è stata utilizzata la seguente convenzione: molto comune (≥1/10), comune (≥1/100, <1/10), non comune (≥1/1.000, <1/100), raro (≥1/10.000, <1/1.000), molto raro (≤1/10.000), non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili). Le frequenze degli eventi avversi sono state stimate in base ai dati di segnalazione spontanea successivamente all'immissione in commercio.

Patologie del sistema emolinfopoietico

Molto raro: modifiche nella conta delle cellule ematiche (leucopenia, trombocitopenia). Queste sono in genere reversibili. Agranulocitosi o pancitopenia, talvolta accompagnate da ipoplasia o aplasia midollare.

Disturbi del sistema immunitario

Raro: reazioni di ipersensibilità (orticaria, edema angioneurotico, febbre, broncospasmo, ipotensione, e dolore toracico).

Molto raro: shock anafilattico.

Non nota: dispnea.

I suddetti eventi sono stati segnalati successivamente alla somministrazione di una singola dose.

Disturbi psichiatrici

Molto raro: confusione mentale reversibile, depressione e allucinazioni.

I suddetti eventi sono stati segnalati soprattutto in pazienti gravemente ammalati, nei pazienti anziani e nei nefropatici.

Patologie del sistema nervoso

Molto raro: cefalea (a volte grave), capogiri e movimenti involontari reversibili.

Patologie dell'occhio

Molto raro: visione offuscata reversibile.

Sono stati segnalati alcuni casi di visione offuscata attribuibili ad alterazione dell'accomodazione.

Patologie cardiache

Molto raro: come con altri antagonisti dei recettori H2 vi sono stati rari casi di bradicardia, blocco atrioventricolare e tachicardia.

Patologie vascolari

Molto raro: vasculite.

Patologie gastrointestinali

Molto raro: pancreatite acuta, diarrea

Non comuni: dolore addominale, stitichezza, nausea (questi sintomi quasi sempre migliorano nel corso del trattamento)

Patologie epatobiliari

Raro: modifiche transitorie e reversibili dei test di funzionalità epatica.

Molto raro: epatite in genere reversibile (epatocellulare, epatocanalicolare o mista) con o senza ittero.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Raro: eruzione cutanea, prurito.

Molto raro: eritema multiforme, alopecia.

Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo

Molto raro: sintomi a carico dell'apparato muscolo-scheletrico quali artralgia e mialgia.

Patologie renali e urinarie

Molto raro: nefrite interstiziale acuta.

Raro: aumento della creatinina plasmatica (generalmente lieve; si normalizza nel corso del trattamento)

Patologie dell'apparato riproduttivo e della mammella

Molto raro: impotenza reversibile, sintomi e patologie a carico della mammella (come ad esempio ginecomastia e galattorrea).

Popolazione pediatrica

La sicurezza di ranitidina è stata valutata in bambini di età compresa tra 0 e 16 anni con patologie acido-correlate ed è stata generalmente ben tollerata, con un profilo di eventi avversi simile a quello degli adulti. Sono disponibili dati limitati sulla sicurezza a lungo termine, in particolare relativamente alla crescita ed allo sviluppo.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:


Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Disturbi gastrointestinali, peggiorati con smartworking
Stomaco e intestino
05 dicembre 2021
Notizie e aggiornamenti
Disturbi gastrointestinali, peggiorati con smartworking
Flora intestinale e farmaci: dal bioaccumulo alla trasformazione chimica
Stomaco e intestino
17 ottobre 2021
Notizie e aggiornamenti
Flora intestinale e farmaci: dal bioaccumulo alla trasformazione chimica
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa