Aria condizionata: consigli per un’estate sicura

22 giugno 2020
News

Aria condizionata: consigli per un’estate sicura


Con l'arrivo dell'estate iniziano ad accendersi i condizionatori per far scendere la temperatura e alleviare il caldo spesso soffocante di questa stagione. Ma quest'anno l'epidemia da Covid-19 fa sorgere qualche interrogativo: è possibile utilizzare l'aria condizionata?

Subito un'importante raccomandazione: in questa stagione mantenere nelle stanze tassi di umidità relativa tra il 50% e il 70% (la percentuale esatta si può misurare con un igrometro). Evitare infine il flusso dell'aria dagli split dall'alto verso il basso e direttamente verso le persone, meglio direzionare le griglie esterne verso l'alto.


Aria condizionata: la pulizia e sanificazione


La Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) fornisce alcuni consigli pratici per poter passare al fresco senza problemi le giornate d'estate. Per un uso sicuro dei sistemi di raffrescamento, condizionamento e climatizzazione in ambienti indoor, si consiglia, prima dell'accensione dell'impianto, di lavare con acqua e sapone liquido i filtri degli split, pulire le parti esposte degli stessi con un prodotto igienizzante e dopo aver lasciato asciugare le superfici esposte e i filtri, riporre questi ultimi nei loro alloggiamenti.

I motori esterni, posizionati su balconi, terrazzi, tetti o a terra, vanno sanificati periodicamente. Queste attività vanno effettuate da tecnici specializzati e il sistema di sanificazione usato deve essere una tecnologia a shock termico per iniezione e contemporanea aspirazione di vapore ad alta temperatura e pressione. Stesso intervento è consigliabile per quegli split o radiatori che hanno evidenti segni di degrado, sporcizia, polveri e muffe o incrostazioni. Anche gli impianti canalizzati di un appartamento devono essere sanificati da personale esperto prima di rendere operativo il sistema.


Aria condizionata: cambiare aria alle stanze


Durante l'estate bisogna continuare ad aprire le finestre per alcuni minuti più volte al giorno per arieggiare l'ambiente, o dotarsi di sistemi di Ventilazione Meccanica Controllata (VMC), in grado anche di filtrare l'aria esterna in entrata. Dare la preferenza, se possibile, alle finestre che si affacciano su strade meno trafficate, o durante le ore di minor traffico. Meglio aprire più volte al giorno per pochi minuti che una sola volta per tempi lunghi.

Fermo restando l'importanza di periodici ricambi d'aria, sono consigliati anche sistemi di purificazione e monitoraggio dell'aria indoor, purché validati da Enti terzi pubblici e dotati di certificazioni sul reale potenziale di mitigazione dei contaminanti aero-dispersi (compresi virus e batteri).


Alessandra Margreth


Bibliografia


https://www.healthline.com/health-news/can-air-conditioning-spread-covid-19-probably-not

https://wwwnc.cdc.gov/eid/article/26/7/20-0764_article





Speciale Coronavirus:
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube