Astenospermia

01 marzo 2008

Astenospermia




Domanda del 25 febbraio 2008

Astenospermia


Carissimo dott.
è circa un anno e mezzo che cerchiamo di avere un figlio in famiglia (mia moglie ha 34 anni).

Il quadro clinico di mia moglie sembrerebbe apposto, io ho svolto 2 spermiogrammi a distanza di cui il secondo molto simile al primo ha dato i seguenti ris.:
caratteri fisici e chimici: tutto ok
Conc. Spermi:39.000.000
num.tot.spermi eiaculato: 97.500.000
ESAME MORFOLOGICO:
forme normali 58%
MOTILITA':
elemento mobili rapidi 1h 22%
elementi mobili lenti 17%
elemnti immobili 53%

Vel media dei rapidi 26
Dopo aver ricevuto l'esito sono andato da un urologo che nella visita non ha riscontrato nessun problema organico e mi ha detto che la bassa motilità era supportata da un buon numero di spermatozoi complessivo e che quindi per il momento non valeva la pena intraprendere nessuna terapia farmacologica.
Il ginecologo di mia moglie invece ci avrebbe indirizzato verso una icsi.

Le volevo chiedere se prima di intraprendere una fecondazione assistita non sarebbe invece il caso di provare una cura per l'astenospermia e se con l'attuale spermiogramma le possibilità di ottenere una gravidanza normale sono così basse o c'è speranza?

un sentito grazie
Stefano
Risposta del 01 marzo 2008

Risposta di PATRIZIO VICINI


Caro lettore le è stato escluso il varicocele o una flogosi genitale o altro prima di arrivare all'ICSI?
Cordiali saluti

Dott. patrizio vicini
Casa di cura convenzionata
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Specialista in Urologia
ROMA (RM)



Il profilo di PATRIZIO VICINI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Salute maschile



Potrebbe interessarti
Attività fisica e calo del testosterone
Salute maschile
29 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Attività fisica e calo del testosterone
Tumori maschili, dieci regole per prevenirli
Salute maschile
17 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Tumori maschili, dieci regole per prevenirli