Attacchi di panico

02 gennaio 2016

Attacchi di panico




27 dicembre 2015

Attacchi di panico

Salve. Qualche mese fa ho avuto un attacco di panico, di cui non ho mai sofferto in 24 anni di vita. Sopratutto ho notato un aumento della mia Ansia in generale, di cui non ho mai sofferto. In ospedale mi hanno prescritto due tipi di farmaci (un ansiolitico " alprazolam" ;, e un antidepressivo " citalopram" ;. Nelle settimane successive al primo attacco ho solo avuto qualche episodio lieve, ed al momento apparte qualche sensazione di intorpidimento e qualche accenno di Ansia a " random" non ho niente. Da un mese a questa parte ho interrotto l'assunzione dei farmaci (l'ansiolitico lo ho terminato, mentre l'altro ho diminuto la dose man mano, poiché non mi sentivo sicuro di prenderlo. Sopratutto a livello fisico mi buttava parecchio giù, ed a lavoro ero parecchio discontinuo ). Ho iniziato da qualche settimana ad assumere un farmaco omeopatico, che a livello generale mi ha riportato ad essere più tranquillo, rilassato, e che mi ha aiutato contro lo stress. Solo che sto notando un aumento del battito cardiaco che mi compare senza un tempo preciso e sopratutto senza una motivazione precisa (ne ho avuto uno oggi mentre mi riposava sul divano ). Volevo capire e sopratutto chiederle se questa tachicardia, o la sensazione di leggero stordimento che ho sporadicamente può essere dipesa da questi attacchi che ho avuto, oppure può dipendere dal fatto che, anche se in piccola entità, sto soffrendo sempre di questi attacchi ?. Vorrei anche capire se possa dipendere anche da ciò che assumo durante la giornata (dopo il primo attacco ho smesso di prendere caffè, ed ho iniziato a sostituirlo con decaffeinato e/o caffè al ginseng ).
Spero di essere stato il più chiaro possibile, e che possa delucidarmi su questa mia situazione generale che mi sta accadendo.

La ringrazio anticipatamente.

Christopher

Risposta del 02 gennaio 2016

Risposta a cura di:
Dott. MARCO PAOLEMILI


Episodi sporadici di tachicardia capitano più spesso di quanto possiamo immaginare. La maggior parte delle volte non ce ne accorgiamo nemmeno, ma se la nostra attenzione, il nostro pensiero, sono maggiormente rivolti ai segnali del nostro corpo si può finire col preoccuparsi in eccesso. Attenzione anche al caffè però: il decaffeinato va bene, ma il caffè con il ginseng ha la caffeina e il ginseng stesso (benchè in questi preparati ve ne sia una quantità minima ), che fa aumentare il battito cardiaco! In tutti i casi non deve preoccuparsi troppo di queste sensazioni, ma lavorare sui pensieri che la mettono in allarme e che generano l'Ansia.

Dott. Marco Paolemili
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Ricercatore
Psicoterapia
Specialista in Psichiatria
Roma (RM)

Ultime risposte di Mente e cervello


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube