Collasso al risveglio

05 marzo 2012

Collasso al risveglio





27 febbraio 2012

Collasso al risveglio

negli ultimi 6, 7 anni con frequenza annuale mi succede la mattina presto di dovermi alzare di colpo per andare in bagno ma appena alzato inizio a sudare copiosamente e se non mi siedo rischio di cadere a terra. Mia moglie dice che le pupille degli occhi vanno dietro. Ho fatto eco cuore e ecg sooto sforzo tutto regolare. Soffro del M. Di Crown. Sono leggermente anemico. Il mio medico non mi fa fare esami.

Risposta del 03 marzo 2012

Risposta a cura di:
Dott. ALBERTO DEL CORRAL


Il fenomeno che Le capita si chiama "lipotimia" ed è legato all'attivazione del sistema nervoso vegetativo parasimpatico, mediato dal nervo vago, da cui l'accezione di "lipotimia vagale". Succede che l'organismo è normalmente ipoteso durante la notte e, al risveglio brusco, non è ancora in grado di far salire la pressione arteriosa quanto serve per rimanere in posizione eretta. Allora si scatena un riflesso che provoca il rallentamento del battito cardiaco e la sudorazione profusa, a volte associate ad un calo pressorio talmente consistente da perdere conoscenza per qualche secondo ("sincope vaso-vagale"), talvolta con qualche scossa convulsiva e perdita di urine.

Altre volte, la reazione viene scatenata dalla minzione: appena si comincia a far pipì, il soggetto perde conoscenza e cade al suolo (sincope minzionale).

Che fare? I soggetti "vagotonici", cioè quelli esposti costituzionalmente a queste reazioni, dovrebbero sempre alzarsi lentamente e, in caso di malessere, tornare distesi a letto fintanto che la sudorazione finisce.

Altre volte, però, la stessa sintomatologia può essere dovuta ad un'aritmia minacciosa, cioè ad un disturbo del ritmo del cuore che impedisce al cuore di contrarsi regolarmente e di pompare la quantità di sangue richiesta dalle circostanze. In questi casi, soprattutto quando questi disturbi si manifestano in soggetti adulti che non hanno mai manifestato prima alcuna reazione vagale, è conveniente ricorrere ad un medico e, se il malessere si associa a dolore toracico o addominale o ad altre manifestazioni insolite, chiamare immediatamente il servizio di emergenza 118, perchè potrebbe essere necessario un intervento urgente.




Dott. Alberto Del Corral
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
Specialista in Ematologia
Trinitapoli (BT)
Risposta del 05 marzo 2012

Risposta a cura di:
Dott. LEONARDO DI ASCENZO


Il fatto è che non si deve MAI alzare di colpo per andare ad urinare.

La sincope post-minziale è piuttosto frequente.

Soprattutto al mattino, dopo una notte da distesi, prima di mettersi in piedi basterebbe che si sedesse al bordo del letto e si mettesse quindi in piedi lentamente ma mai di scatto.

La sua problematica non necessariamente infatti è sostenuta da una una sottostante cardiopatia ma piuttosto è un suo ritardato meccanismo di regolazione della pressione arteriosa.

Assume farmaci ipotensivizzanti e/o diuretici?




Dott. Leonardo Di Ascenzo
Medico Ospedaliero
Specialista in Cardiologia
San Donà di Piave (VE)

Ultime risposte di Cuore circolazione e malattie del sangue


Vedi anche:


Ultimi articoli