Depressione

20 settembre 2004

Depressione




Domanda del 13 settembre 2004

Depressione


Gentile Dottore, sono una studentessa di 23 anni. Fin dall'infanzia ho sofferto per alcuni viaggi costretti da mio padre e per non essere stata considerata molto da mia madre che mi ha cresciuta da sola (continuamente in lotta con la sua depressione) e con tante difficoltà. A 18 anni ho avuto un blocco psicologico, a detta del neuropsichiatra che mi segue ancora. Assumo l'elopram con regolarità a seguito di un episodio recente di spiacevoli attacchi di panico che non tornavano da tre anni. Mi chiedo quanto dovrò soffrire ancora e quali sono i miei rischi dopo quello che ho passato. Un medico mi ha assicurato che il blocco è stato superato, ma io ho sempre paura di star male. Mi dia un consiglio.
Risposta del 20 settembre 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Deve trovare una terapia psicologica che abbia a che fare con la creatività e con l'apertura di possibilità.
Si aiuti col web e cerchi qualche junghiano che lavori con la sabbia (sand play therapy) e in gruppo.
Un caro saluto.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Disturbi dell'apprendimento, dieci punti per capire
Mente e cervello
19 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Disturbi dell'apprendimento, dieci punti per capire
Sindrome di Asperger: graphic novel sulla vita quotidiana di una ragazza
Mente e cervello
16 settembre 2018
Libri e pubblicazioni
Sindrome di Asperger: graphic novel sulla vita quotidiana di una ragazza
I ragazzi balbuzienti sono più a rischio di bullismo
Mente e cervello
13 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
I ragazzi balbuzienti sono più a rischio di bullismo