Ischemia

26 ottobre 2005

Ischemia




22 ottobre 2005

Ischemia

un'ischemia cerebrale può essere provacata da un embolo o da un trombo e il vaso precenìdente il tratto ischemico può rompersi provocando un edema? può inoltre provocare ipotonia muscolare tempoarnea? se sì, perchè? possono veire danneggiati i neuroni delle are motorie cerebrali?

Risposta del 26 ottobre 2005

Risposta a cura di:
Dott. GIOVANNI MIGLIACCIO


Gentile corrispondente,
Lei pretenderebbe in poche righe una lezione di anatomia, neurologia, neurofisiologia e anche di cardiologia.
Cercherò di accontentarLa sperando di riuscirci:
L'ischemia cerebrale può essere provocata dalla ostruzione di un vaso arterioso, diciamo per qualsiai causa, comprese quelle che ha Lei citato. Tali trombi possono originarsi dal cuore o dai vasi arteriosi che portano il sangue nelle diverse regioni cerebrali.
Quando la regione cerebrale dipendente dal vaso ostruito non riceve più sangue si crea una zona di necrosi che può essere più o meno estesa o più o meno grave. Nella zona interessata ci sono ovviamente le cellule cerebrali (cioè i neuroni) che, se non nutriti, muoiono definitivamente. Se la zona ischemica interessa i neuroni deputati al movimento, il rispettivo movimento non ci sarà più.
Ora non sempre si verifica una necrosi così estesa e quindi si comprende come a seguito di un fatto simile si può avere la paralisi più o meno completa di un braccio e non della gamba e così via.
C'è comunque la possibilità che i neuroni vicini a quelli definitivamente distrutti, col tempo vadano a sostituire la funzione persa, anche se non completamente: ecco, in parte, spiegato perchè da una iniziale mancanza di movimento (plegia), si passa a un parziale recupero (paresi).
La paresi, che si esprime con una riduzione del tono muscolare, può, nei casi di ischemia transitoria, regredire del tutto.
All'interno della zona ischemica ci può essere la rottura del vaso con impregnazione di sangue ( Infarto rosso).
Quanto Le ho scritto è una amplissima sintesi, ma spero di esser riuscito a spiegare, almeno in parte, quanto ci aveva chiesto.
Cordialità

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)

Ultime risposte di Mente e cervello

Tags:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa