Neurologia

29 gennaio 2014

Neurologia




25 gennaio 2014

Neurologia

Buona sera,
vorrei sottoporre all'attenzione dei gentili dottori una domanda:
mia madre ha preso per ben 20 anni il Sermion da 30 mg, medicinale a lei indispensabile. Sfortunatamente due mesi fa, ci è stato detto in farmacia che tale medicinale è stato ritirato dal commercio anche se nessuno ha saputo dirci per quale motivo. Pertanto, vorrei chiedere se esiste un altro medicinale che lo possa sostituire, anche perché da quando non lo prende più mia mare ha ripetute perdite di equilibrio, giramenti di testa, Cefalea. All'ultima visita dal neurologo che risale al 20 di dicembre, le è stato prescritto il Branigen, che da quello che ho letto serve a qualunque altra cosa meno che alla circolazione cerebrale.
Personalmente sono molto spaventate in quanto non so che cosa deve prendere, anche eprché ha già avuto tre ictus, fortunatamente ababstanza lievi, e quindi tempo che la prossima volta non saremo più così fortunati.
Grazie infinite.

Risposta del 29 gennaio 2014

Risposta a cura di:
Dott. QUIRINO EMILIO QUISI


sermion è nicergolina, branigen ha, da quello che mi risulta, le caratteristiche per essere indicato alla somministrazione per la madre; se non è convinta chieda lumi al prescrittore del 20 dicembre dello scorso anno dell'alternativa alla nicergolina, elencando i disturbi sopraggiunti alla sospensione del sermion cp. .

Dott. QUIRINO EMILIO QUISI
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Psichiatria
Busto Arsizio (VA)


Ultime risposte di Mente e cervello

Tags:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Alzheimer, la forma più frequente di demenza
Mente e cervello
15 ottobre 2021
Notizie e aggiornamenti
Alzheimer, la forma più frequente di demenza
Padovani, Airalzh: Telehealth rivoluzione per Alzheimer
Mente e cervello
05 ottobre 2021
Notizie e aggiornamenti
Padovani, Airalzh: Telehealth rivoluzione per Alzheimer
Omega 3 e vitamina B: gli integratori per il cervello
Mente e cervello
24 settembre 2021
Notizie e aggiornamenti
Omega 3 e vitamina B: gli integratori per il cervello