Prostatectomia radicale

18 aprile 2016

Prostatectomia radicale


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


06 aprile 2016

Prostatectomia radicale

Eseguita brachiterapia nel 2007, nel 2013 ripresa attività prostatica quindi intervento per stenosi uretere dx prescritta terapia ormonale con decapeptyl + casodex - nel 2025 il psa da valore 0 comincia a salire fino a 3, 5. ho fatto una pet e rileva captazione di due linfonodi fossa iliaca dx e sx. Il prof. di Padova mi propone intervento exenteratio e derivazione esterna. La cosa comporta l'uso di sacchetto esterno per contenimento urina. Conservare la vescica comporterebbe incontinenza e successivo uso di pannolone. Devo scegliere io. Essendo anche diabetico ho timore dell'intervento più grande e sono molto imbarazzato, in quanto non conosco quali sono gli impegni relativi all'uso delle due diverse tecniche di raccolta urine.

Risposta del 18 aprile 2016

Risposta a cura di:
Dott. ANDREA MILITELLO


importante intervento di urologia oncologica. Nell obbligatorietà della scelta opterei per la derivazione esterna. Ha consultato anche un oncologo?

Dott. Andrea Militello
Casa di cura convenzionata
Casa di cura privata
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Urologia
Roma (RM)

Ultime risposte di Salute maschile

Tags:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Estratti di Pino per la disfunzione erettile?
Salute maschile
01 dicembre 2020
Notizie e aggiornamenti
Estratti di Pino per la disfunzione erettile?
Torsione del testicolo
Salute maschile
24 novembre 2020
Sintomi
Torsione del testicolo