Rmn cranio

15 luglio 2014

Rmn cranio




15 luglio 2014

Rmn cranio

Salve, mi chiamo Mauro e vorrei sottoporre alla sua attenzione il referto RMN di mio padre anni 84.

Premessa:
A novembre 2011 sono stati posizionati due stent a livello della coronaria dx, avendo una stenosi del 95%, mentre la coronaria sx ha una stenosi del 70%.
L’ ecodoppler segnala presenza di placche fibrocalcifiche a livello dell’ origine della carotide interna bilateralmente determinante stenosi del 40-50% a destra e dell’ 80% a sinistra emodinamicamente significativa.
Stenosi femorale sx.
Soffre di cardiopatia ischemica, ipoacusia e Insufficienza renale cronica.

REFERTO DI RMN CRANIO SENZA M. D. C. CON IL SEGUENTE REFERTO:
L’ esame è stato acquisito con tecnica SE e TSE sui tre piani dello spazio, e documenta la presenza di multipli alterazioni di segnale, iperintense in T2, meglio evidenti con la tecnica FLAIR, localizzate a carico della sostanza bianca bi emisferica da riferire a multiple zone di sofferenza tissutale su base cerebro-vascolare ischemica di aspetto confluente.
Concomita una dilatazione di discreta entità degli spazi sub aracnoidei in sede temporale bilaterale come per atrofia corticale temporale.
Alterazione di segnale nel contesto della rocca petrosa di destra da riferire verosimilmente a tessuto flogistico cronico in sede intra mastoidea.

Le chiedo cortesemente di spiegarmi con semplicita'quanto sopra e la ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti
Mauro

Risposta del 15 luglio 2014

Risposta a cura di:
Dott. FILIPPO VAIRA


partendo dalla arteriopatia obliterante polidistrettuale di cui già soffre, il papà presenta all'RMN Encefalo i segni del danno vascolare cronico definito come "Encefalopatia multinfartuale ischemica"
( mal. di BINSWANGER ), Iin aggiunta segni di atrofia corticale che altrettanto correla con l'età piu'che con una chiara forma di malattia. Dal punto di vista della terapia credo che il papà debba curarsi con tutto cio'che sicuramente già assume (ritengo antiaggreganti, antiiipertensivi, statine e vasoregolatori. Non si capisce se ha deficit cognitivi, ideativi o altro che richiederebbero, in aggiunta, terapia specifica da valutare.

Dr. Filippo Vaira

Dott. filippo vaira
Specialista convenzionato
Manfredonia (FG)

Ultime risposte di Mente e cervello




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube