Turbinati ingrossati e volare in aereo

28 novembre 2010

Turbinati ingrossati e volare in aereo




22 novembre 2010

Turbinati ingrossati e volare in aereo

salve, ho i turbinati ingrossati e una leggera deviazione del setto nasale;ciò in 2 occasioni mi ha provocato terribili dolori alla testa mentre ero in aereo in fase di discesa e atterraggio;il medico mi ha consigliato di fare una cura di localin una settimana prima del volo e durante il volo, anche perchè gli episodi sono accaduti in concomitanza di ujn mio raffreddore; vorrei sapere se con un intervento chirurgico posso realmente eliminare il problema (spesso ho letto di persone che a seguito dell'intervento non hanno migliorato la loro situazione) e volendo evitare l'intervento ma non volendo rinunciare a volare, quali sono i rischi che si corrono volando con il mio problema? è possibile che uno di questi malori possa provocarmi dei danni permanenti, e di che tipo?

Risposta del 28 novembre 2010

Risposta a cura di:
Dott. FRANCESCO GEDDA


In realtà neppure l'intervento può garantire in modo assoluto la risoluzione dei problemi di compensazione, dal momento che non solo la cattiva respirazione nasale è all'origine del problema, ma anche la presenza di un riflesso di apertura della tuba torpido. Sicuramente, se la terapia medica che le è stata consigliata non funzionasse, l'opzione di un intervento in anestesia locale sui turbinati è una proposta ragionevole. Altrettanto sicuramente i giudizi negativi che può aver letto su tale intervento dipendono dal fatto che nessun atto chirurgico ha successo nel 100% dei casi e qualche scontento esiste per qualsiasi procedura. Da ultimo, i danni di continuare a volare con il suo problema possono variare moltissimo: spesso non avviene nulla di irreparabile, ma tutto dipende dalla gravità dell' Otite che si può scatenare come conseguenza del blocco della tuba.

Dott. Francesco Gedda
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Otorinolaringoiatria
Torino (TO)

Ultime risposte di Orecchie naso e gola

Tags:


Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa