Infarto, rischio medio da non sottovalutare

23 marzo 2011
Aggiornamenti e focus

Infarto, rischio medio da non sottovalutare




Il 46% delle persone che hanno un livello di colesterolo Ldl inferiore a 130 mg/dl può essere ugualmente a rischio di infarto e ictus. È uno dei risultati cui è giunto lo studio Check, realizzato dall'Università di Milano in collaborazione con la Società italiana medicina generale (Simg), i cui risultati sono pubblicati su Nutritional Metabolism and Cardiovascular Diseases. Secondo questo studio, infatti, nove milioni di italiani, che in base a parametri tradizionali di rischio cardiovascolare sono a rischio medio, possono comunque incorrere in eventi acuti. In particolare 2 milioni, che non si curano, sono ad alto rischio. Lo studio, spiega Alberico Catapano, farmacologo dell'ateneo milanese, è stato realizzato negli ultimi otto anni analizzando sesso, età, istruzione, attività fisica, colesterolo di 7.000 cittadini assistititi in 421 ambulatori di medici di famiglia di 16 regioni italiane. E sono stati anche prelevati e analizzati campioni di sangue. Cosa che ha permesso di fotografare il rischio cardiovascolare della popolazione italiana». Tale rischio è stato quindi valutato sia in base ai più noti fattori (fumo, colesterolo, pressione arteriosa, obesità familiarità, età) che in base ad altri parametri, come il grado di istruzione o il dosaggio di proteine. «In particolare» afferma Catapano «è stata esaminata la presenza della proteina C reattiva nel sangue, prodotta nel fegato e legata all'infiammazione, e si è visto che non sono tanto i suoi livelli alti a preoccupare, ma i livelli bassi prolungati nel tempo e la loro interazione con alcuni tra i fattori di rischio più importanti, in particolare con quello dovuto al sovrappeso e al grasso viscerale (girovita oltre 88 cm nella donna e 102 nell'uomo). Accade così che anche chi ha un colesterolo Ldl inferiore a 130 può essere ad alto rischio».

Tags:

In evidenza:

Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
L'attività fisica quotidiana dopo un impianto di defibrillatore
Cuore circolazione e malattie del sangue
29 settembre 2021
Notizie e aggiornamenti
L'attività fisica quotidiana dopo un impianto di defibrillatore
Aumento dei fumatori: allarme giovani, dipendenza prima dei 25 anni
Cuore circolazione e malattie del sangue
09 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Aumento dei fumatori: allarme giovani, dipendenza prima dei 25 anni
Defibrillatori: saranno in tutti i luoghi pubblici
Cuore circolazione e malattie del sangue
03 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Defibrillatori: saranno in tutti i luoghi pubblici