Contro trombosi: attività fisica e buona alimentazione

17 settembre 2012
Aggiornamenti e focus

Contro trombosi: attività fisica e buona alimentazione


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Evitare l'accumulo di grasso addominale, fare almeno 40 minuti di attività fisica al giorno, bere 2 litri d'acqua e consumare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno. Sono alcune delle 10 regole del manifesto della salute realizzato da Alt, l'Associazione lotta trombosi onlus, in occasione dell'evento organizzato al Milano Film Festival per il 15 settembre. Il primo consiglio è di controllare il giro-vita: il grasso sull'addome corrisponde a quello intorno al cuore. E poi, riconoscere i propri avversari contro cui lottare: fumo, cibi grassi, vita sedentaria, alcol. E infine partire all'attacco, con intensità e costanza. Ogni giorno fare almeno 40 minuti di attività fisica, che è davvero efficace quando si inizia a sudare. Alimentarsi correttamente: ogni giorno 5 porzioni di frutta e verdura, 2 litri d'acqua, 1 cucchiaino di sale, meglio carni bianche e fare scorta di omega3. È importante coinvolgere gli amici, raccontargli i risultati e sfidarli a fare meglio. Solo dopo qualche giorno di attività fisica si iniziano a sentire i muscoli più in forma e ci si affatica meno. L'allenamento aiuta a conoscere meglio il proprio corpo, e quindi bisogna imparare a consumare solo le calorie necessarie. Le tattiche per muoversi ogni giorno sono tante, dal ballare in compagnia al salire le scale invece di usare l'ascensore, o scendere un paio di fermate prima dall'autobus e andare in bicicletta se si può. Infine non perdere la concentrazione: l'allenamento aiuta a combattere lo stress, e non mollare mai, anche quando la strada sembra in salita.

Tags:

Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa