Cistite, un probiotico per curarla e prevenirla

29 marzo 2018

News

Cistite, un probiotico per curarla e prevenirla



La cistite, un'infiammazione della vescica che colpisce una donna su due e che è solitamente causata da un'infezione batterica, può essere tenuta lontana attraverso il riequilibrio della microflora intestinale. Proprio l'intestino, infatti, veicola facilmente germi e batteri verso le vie urinarie, per cui una valida strategia terapeutica a base di fermenti lattici vivi, i cosiddetti 'probiotici', risulta efficace anche per combattere le infezioni dell'apparato femminile. Dell'azione fondamentale di questi batteri 'buoni', in quanto utili per il benessere dell'organismo e, nello specifico, del Lactobacillus Paracasei LC11, si è parlato a Spazio Nutrizione - evento medico-scientifico sulla sana alimentazione che si è svolto dal 23 al 24 a Milano - durante l'intervento "Utilizzo dei probiotici nelle patologie dell'apparato urogenitale femminile" tenuto dal professor Franco Vicariotto, specialista in Ostetricia e ginecologia, consulente senior dell'ospedale Humanitas San Pio X di Milano e cofondatore della Sifiog (Società italiana integratori e fitofarmaci in ostetricia e ginecologia).

Ceppo-specificità del Lactobacillus Paracasei LC11

Selezionato in vitro per la sua efficacia, il probiotico ha dimostrato un'ottima efficacia contro microrganismi patogeni come Stafilococco ed Escherichia coli (quello più frequentemente responsabile della cistite). Ma, come precisa il professor Vicariotto, «a volte il disturbo dipende dal frequente ricorso agli antibiotici, il cui uso eccessivo ha portato a un progressivo sviluppo di resistenze da parte degli agenti microbici che dovrebbero contrastare. Da qui la necessità di sviluppare nuove strategie terapeutiche, soprattutto a scopo preventivo, che possano limitare il più possibile l'intervento farmacologico. Il Lactobacillus Paracasei LC11, è stato studiato, isolato e caratterizzato per l'antibiotico resistenza secondo i criteri dell'Efsa, organismo che elabora pareri scientifici e consulenza in materia di catena alimentare sulla base delle politiche europee».

Claudio Buono



Vedi anche:


Ultimi articoli
L'esperto risponde