I fichi: fibre e mucillagini anti stitichezza

28 luglio 2018
Aggiornamenti e focus

I fichi: fibre e mucillagini anti stitichezza


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Tra i molti pregi di questo frutto settembrino, c'è il contenuto di fibre che aiuta l'intestino a funzionare meglio. Energetici, i fichi sono però zuccherini e calorici

Combatte la stipsi cronica
Si tratta di un frutto conosciuto e consumato da millenni, citato anche nel Vecchio Testamento e, spesso, nei testi più antichi trattato alla stregua di un medicamento per le sue proprietà terapeutiche. La più evidente è quella lassativa: grazie alla grande quantità di fibre vegetali e mucillagini particolari, come la lignina, il consumo regolare anche di un solo frutto al giorno è in grado di contrastare la stipsi cronica e i disturbi intestinali in genere. E di prevenire i disturbi legati al malfunzionamento gastrointestinale.


Un pieno di energia e… di polifenoli


Il fico è energetico e nutriente e per questo adatto all'alimentazione dei più piccoli, delle persone anziane e delle donne in gravidanza. Inoltre, fornisce energia di pronto utilizzo, preziosa per chi fa sport. Tra le moltissime proprietà che la scienza gli riconosce vi è, poi, anche quella di essere un alimento indicato per ridurre il rischio di tumore, data la presenza in dosi considerevoli di polifenoli, sostanze antiossidanti di natura vegetale a cui la scienza ormai riconosce questo valore, soprattutto perché all'interno dei polifenoli si trova un composto studiato proprio per la sua capacità di contrastare la crescita cellulare anomala (benzaldeide).

Un antinfiammatorio naturale


Tra le proprietà del fico vi è l'importante azione antinfiammatoria, riconosciuta scientificamente soprattutto nei confronti dell'apparato urinario e circolatorio, grazie all'elevato contenuto di luteolina, una sostanza dall'effetto neuro protettivo e, di nuovo, anti tumorale. Tra i minerali contenuti nel fico troviamo calcio, a cui si deve la capacità di prevenire malattie osteoarticolari e preservare la salute dei denti; e poi ferro, potassio, magnesio e fosforo. Infine, è privo di grassi e vanta invece un piccolo apporto proteico.

Occhio agli zuccheri!

In compenso, è abbastanza elevato l'apporto calorico di questo frutto: per i fichi freschi è di circa 70 calorie ogni 100 grammi, ma il dato sale per i fichi secchi (altrettanto preziosi però da un punto di vista nutrizionale, se non di più: il contenuto di calcio nei fichi secchi per esempio, è il quadruplo), ma le calorie arrivano a più di 280 per un etto. Del resto, tra gli zuccheri del fico vi sono fruttosio e glucosio: per questo motivo i fichi sono spesso banditi dalle diete di chi deve dimagrire e di chi ha problemi di glicemia.


A cura di:
Gloria Brolatti - Emoticibo

Tags:

Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Proprietà antipertensive del tè verde e del tè nero
Alimentazione
24 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Proprietà antipertensive del tè verde e del tè nero
La dieta anticellulite incomincia davanti ai fornelli (e in giovane età)
Alimentazione
17 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
La dieta anticellulite incomincia davanti ai fornelli (e in giovane età)
Anoressia, bulimia e disturbi della nutrizione: la cura è multidisciplinare
Alimentazione
12 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Anoressia, bulimia e disturbi della nutrizione: la cura è multidisciplinare