Bambini: raffreddore o allergia? Come distinguerli

01 marzo 2019

News

Bambini: raffreddore o allergia? Come distinguerli



Soprattutto nel tardo inverno e nel periodo primaverile può essere difficile distinguere un' allergia respiratoria da un raffreddore.
Starnuti, naso chiuso o colante (rinite), tosse, mal di testa possono essere sintomi tipici di un raffreddore in corso, ma anche di un'allergia stagionale. Ancora più complicato distinguerli in un bambino che non sa spiegare a parole ciò che sente. Per questo motivo i pediatri invitano i genitori a prestare attenzione ai dettagli minori, ai piccoli segnali che permettono di riconoscere le differenze.
Certamente le due condizioni si manifestano in modo simile, con alcuni  sintomi in comune:

  • naso chiuso, che gocciola o prude;
  • starnuti; 
  • tosse; 
  • affaticamento;
  • mal di testa.

Una caratteristica differente riguarda invece il muco: nell'allergia le secrezioni sono chiare e di consistenza acquosa. Diversamente, il raffreddore è caratterizzato dalla presenza di muco più denso e di colore giallastro

Nei bambini che soffrono di allergie, inoltre, è molto probabile che il prurito al naso sia più marcato e avvertito come una sensazione di pizzicore, gli starnuti  più frequenti e ripetuti in momenti di vere e proprie crisi. Anche la gola e la bocca sono interessate da prurito e formicolio, come pure gli occhi che in alcuni casi lacrimano e danno prurito.


Consigli utili


In presenza dei sintomi tipici di un'allergia stagionale è importante che vengano eseguiti test per allergeni stagionali come i pollini o gli acari.
Una volta chiarita la natura allergica dei sintomi, ci sono piccoli accorgimenti che, insieme alle terapie che il medico avrà prescritto, possono contribuire a migliorarli. Eccone alcuni:

  • Per limitare la presenza di pollini in casa, bisogna tenere le finestre chiuse durante i periodi di picco che si possono conoscere consultando i bollettini, resi disponibili da agenzie ambientali della regione.
  • La stessa attenzione va posta ai finestrini delle auto durante i viaggi e gli spostamenti.
  • Se si dispone di impianti di condizionamento dell'aria, i filtri vanno sostituiti una volta al mese. Inoltre, nelle ore mattutine, momento in cui il livello dei pollini è più alto, vanno limitate le attività all'aperto dei bambini, e in ogni caso al rientro a casa gli abiti vanno cambiati e lavati per liberarli da tutti gli allergeni raccolti all'esterno.
  • Infine, dopo aver giocato all'aperto è bene lavare anche il viso, le mani e i capelli e, usando una soluzione salina, si possono lavare anche il naso e gli occhi.


Vedi anche:


Ultimi articoli
L'esperto risponde