Osteopatia: una manipolazione efficace

15 marzo 2019

News

Osteopatia: una manipolazione efficace



Sono 10 milioni gli italiani che già si rivolgono all'osteopata, e un terzo di chi questi lo fa su consiglio del medico di base, ma secondo una ricerca Eumetra il 60% della popolazione italiana vorrebbe conoscere meglio l'osteopatia, disciplina che la recente legge 3/2018, che ha individuato come professione sanitaria.
L'osteopatia è una disciplina piuttosto recente , e «l'informazione sull'osteopatia è molto discordante, frammentaria e alcune volte anche scorretta. Diventa dunque importante per il cittadino sapere che cos'è e quali sono i suoi campi di applicazione» ha spiegato Chiara Arienti, osteopata e ricercatrice presso la Fondazione Don Carlo Gnocchi di Milano e l'Università degli Studi di Brescia, in occasione dell'incontro dal titolo "Fare scelte di salute consapevoli", rivolto a cittadini e operatori sanitari organizzato dal Registro degli osteopati d'Italia (ROI).

Efficacia dimostrata in diversi ambiti clinici


L'osteopatia, attraverso il trattamento manipolativo osteopatico, si occupa di ripristinare la funzionalità e lo stato di salute perduti a causa di un trauma o di una patologia che hanno causato l'insorgenza di una disfunzione. Si dimostra efficacia anche nella prevenzione e mantenimento dello stato di salute generale.
L'efficacia del trattamento osteopatico emerge dai risultati clinici e scientifici, come dimostrato dalle Linee Guida sulla Lombalgia . Il suo valore terapeutico, oltre ad essere testimoniato dagli stessi pazienti, è dimostrato dalle evidenze emerse dalla ricerca scientifica.
«Esistono molti documenti ufficiali, supportati da dati scientifici, che definiscono l'osteopatia e ne avvalorano l'efficacia terapeutica in diversi ambiti clinici» spiega Chiara Arienti «Dalle ultime linee guida sull'osteopatia pubblicate nel 2016 dalla rivista JAOA, il trattamento osteopatico dovrebbe essere una delle cure elettive per il mal di schiena negli adulti e nelle donne in gravidanza e per i disturbi muscoloscheletrici. Altri studi scientifici identificano l'osteopatia come valido supporto per i principali disturbi in ambito neonatale, come coliche, rigurgiti ed eventuali deformazioni craniche e posturali post-partum e pediatrico».
Oltre alla lombalgia, quindi, altre condizioni sintomatologiche, in cui il trattamento manipolativo ha buoni risultati di efficacia: sono il reflusso gastroesofageo, la sindrome del colon irritabile e la coccigodinia, o dolore al coccige.
Inoltre, tra i numerosi studi condotti, le evidenze scientifiche hanno dimostrato l'efficacia dell'osteopatia nella cura di:

  • cefalea  tensiva episodica, mostrando una riduzione dell'intensità media degli attacchi e del numero di farmaci sintomatici assunti;
  • disfonia, con una riduzione del dolore dei muscoli perilaringei e un'influenza positiva sulle condizioni di produzione vocale;
  • dismenorrea: La Ricerca dimostra che una serie di cinque trattamenti osteopatici per un periodo di tre cicli potrebbe essere utile per le donne che soffrono di dismenorrea primaria;
  • sindrome dell'intestino irritabile. Gli studi evidenziano risultati favorevoli per il TMO nella gestione della sindrome dell'intestino irritabile se confrontati con lo standard delle terapie mediche e con gli interventi placebo.

Efficace anche per i neonati e bambini


Il trattamento osteopatico ha inoltre ottimi risultati clinici in ambito neonatale. I neonati con plagiocefalia posizionale - una deformazione morfologica del cranio causata dal parto e da posizionamenti scorretti del neonato - se trattati entro i primi 3 mesi di vita riscontrano una risoluzione del 100% nella maggior parte dei casi. Buoni risultati vengono registrati su rigurgito, reflusso gastroesofageo e nelle coliche infantili. Nell'ambito strettamente pediatrico il TMO può essere di aiuto in caso di otiti medie ricorrenti; nelle problematiche posturali e quelle legate alla crescita e allo sviluppo motorio; in bambini affetti da disabilità gravi quali la paralisi cerebrale infantile e la spina bifida; nelle affezioni dell'apparato respiratorio e nelle problematiche ricorrenti legate a gola e orecchie.

Chiara Romeo



Vedi anche:


Potrebbe interessarti
L'esperto risponde