Crisi di panico: dai sintomi alla cura

12 marzo 2020
Aggiornamenti e focus

Crisi di panico: dai sintomi alla cura


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Le crisi di panico (o attacchi di panico) si registrano quando un forte e diffuso senso di paura e di ansia manifesta in assenza di reali motivi di pericolo. Sono crisi improvvise, imprevedibili e ricorrenti. Non hanno una durata prolungata: da pochi secondi a qualche minuto (fino a 10-15 minuti). Ma per la loro intensità sembrano, per chi ne soffre, non avere fine.

Velocemente si scatenano paure ataviche come quella di morire, impazzire, perdere totalmente il controllo, depersonalizzare quanto sta accadendo, fuggire dal luogo dove si sta manifestando il disturbo. La paura esterna diventa una paura interna e mette in dubbio la propria sopravvivenza mentale e fisica. Ma le crisi di panico non sono pericolose e quando vengono diagnosticate e trattate bene si risolvono nel 90% dei casi.


Crisi di panico: riconoscere i sintomi


La diagnosi di disturbo di panico (si chiamano così quando le crisi di panico sono ricorrenti e influenzano negativamente la vita della persona) è codificata dal DSM-5 (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali). L'attacco deve rispondere a precisi criteri. Per essere inserito nella categoria disturbo da panico, deve presentare un carattere cronico superiore ai 6 mesi e la paura, per almeno 1 mese, che si ripresenti la crisi).

La prima crisi può presentarsi già nel periodo della tarda adolescenza e ha una incidenza maggiore nelle donne. La crisi di panico mette in moto le reazioni del sistema somatico e cognitivo. Alcuni disturbi li abbiamo già anticipati. Ma sono importanti alcuni sintomi o sensazioni somatiche:

  • sensazione di perdita dei sensi

  • arrossamento del viso

  • ritmo cardiaco accelerato con sensazione di dolore al torace

  • palpitazioni

  • vertigini

  • formicolii a viso, mani, piedi

  • nausea

  • crisi di pianto

  • azzeramento della salivazione

  • senso di soffocamento, fame d'aria

  • iperventilazione

  • sensazione di sbandamento

  • sudorazione o brividi

  • tremori

  • sbalzi di pressione


Crisi di panico: come si curano


Il trattamento delle crisi di panico è codificato da linee guida internazionali, contenute nel NICE, National Institute for Health and Clinical Excelence. Si tratta in particolare di tecniche di rilassamento e protocolli di psicoterapia di tipo cognitivo-comportamentale. Come abbiamo visto, il pericolo non è reale: bisogna dunque lavorare sull'atteggiamento del paziente. Per esempio, aiutandolo a capire le reazioni del suo corpo in specifiche situazioni, individuando e riducendo le situazioni di stress, supportandolo nella prevenzione delle ricadute.

Possono essere prescritte anche terapie farmacologiche a base di antidepressivi (non provocano dipendenza) e di ansiolitici come le benzodiazepine (possono portare ad una dipendenza e vengono normalmente utilizzati solo all'inizio della terapia).


Carla De Meo


Riferimenti bibliografici:
  • Rovetto, F.,Panico. Origini, dinamiche, terapie. Milano: McGraw Hill, 2003
  • Taylor, S. (2006).Disturbi di panico. Monduzzi
  • Claudia Dario, Riccardo Saba, Luana Testa,Attacchi di panico, L'asino d'oro, 2017

Tags:

Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Il diario giornaliero dell'umore, un aiuto per il paziente depresso
Mente e cervello
17 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Il diario giornaliero dell'umore, un aiuto per il paziente depresso
Covid-19, neomamme: aumentate le visite di salute mentale
Mente e cervello
16 giugno 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, neomamme: aumentate le visite di salute mentale
Alzheimer: le farmacie amiche delle persone con demenza
Mente e cervello
12 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Alzheimer: le farmacie amiche delle persone con demenza