Ansia, insonnia e antipsicotici

14 gennaio 2022
Aggiornamenti e focus

Ansia, insonnia e antipsicotici



Crescente tendenza alla prescrizione di antipsicotici off-label a basse dosi


Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Psychiatric Research, una crescente tendenza alla prescrizione di antipsicotici off-label a basse dosi per il trattamento di disturbi come ansia e insonnia è stata legata a un aumento di patologie cardiometaboliche. «I medici dovrebbero essere informati che il trattamento a basso dosaggio con questi farmaci per l'insonnia e l'ansia non è probabilmente una scelta innocua, e anche se hanno il vantaggio di non creare dipendenza e di essere apparentemente efficaci, potrebbero avere un impatto sulla durata della vita del paziente» spiega Jonas Berge, dell'Università di Lund, in Svezia, che ha diretto il gruppo di lavoro.

Per chiarire la questione, i ricercatori hanno analizzato i dati di tre ampi registri interconnessi svedesi, identificando tutti gli individui di almeno 18 anni di età che avessero fatto almeno una visita psichiatrica, per vedere a quanti fossero stati prescritti olanzapina o quetiapina a basso dosaggio. Hanno calcolato due variabili dipendenti dal tempo, dose cumulativa e dose media annua passata, e le hanno utilizzate per calcolare tre diversi valori di esposizione. La coorte finale era composta da 428.525 individui, seguiti per una media di 4,8 anni o un totale di oltre due milioni di anni-persona. Della coorte, il 4,3% aveva ricevuto almeno due prescrizioni per olanzapina o quetiapina. Alla fine dello studio, il 3,1% della coorte era deceduto durante il periodo di osservazione e di questa percentuale, il 69,5% era deceduto per cause specifiche legate alla malattia, mentre quasi un quinto (19,5%) per cause cardiometaboliche. È interessante notare che, rispetto all'assenza di trattamento, il trattamento con olanzapina o quetiapina per meno di sei mesi in realtà era significativamente associato a un ridotto rischio di mortalità cardiovascolare.

Al contrario, il trattamento per 6-12 mesi è stato significativamente associato a un aumento del rischio quasi doppio. L'aumento del rischio è continuato oltre i 12 mesi, anche se la differenza non è rimasta significativa.
Gli autori concludono che l'associazione tra trattamento a basso dosaggio di olanzapina/quetiapina e mortalità cardiometabolica era presente, ma debole. Anche il rischio di mortalità specifica per malattia è aumentato significativamente per ogni anno di esposizione a trattamento a basso dosaggio. Allo stesso modo, il trattamento era associato alla mortalità per tutte le cause, sebbene l'aumento del rischio di mortalità per tutte le cause per ogni anno di esposizione non fosse considerato significativo.

Fonte: Doctor33

Riferimenti bibliografici:

Tags:


In evidenza:

Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:
Ultimi articoli
Emicrania, è legata agli ormoni in utero?
Mente e cervello
13 gennaio 2022
Notizie e aggiornamenti
Emicrania, è legata agli ormoni in utero?
Christmas blues: cosa fare per restare sereni durante le feste
Mente e cervello
29 dicembre 2021
Notizie e aggiornamenti
Christmas blues: cosa fare per restare sereni durante le feste
Depressione: quando la memoria si interrompe
Mente e cervello
29 novembre 2021
Notizie e aggiornamenti
Depressione: quando la memoria si interrompe
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa