Meno raggi contro il mal di schiena

10 marzo 2010
Interviste

Meno raggi contro il mal di schiena


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Il mal di schiena, dolore che colpisce la regione lombare e sacrale, è una delle più frequenti cause di consultazione medica e interessa circa il 40% della popolazione. Nella maggior parte dei casi, comunque, non esiste un problema specifico della colonna vertebrale: proprio per questo, specie quando il dolore non si risolva dopo qualche settimana con l'assunzione di analgesici o antinfiammatori, l'identificazione della causa del disturbo per l'impostazione della cura rappresenta un processo complesso. Secondo uno studio appena pubblicato su Archives of internal medicine i medici di di famiglia eccedono nel ricorso all'esecuzione di radiografie in fase diagnostica. Dica33 ha chiesto un parere a Giampaolo de Sena, fisiatra, vicepresidente Simfer (Società italiana di medicina fisica e riabilitativa).


È d'accordo con la tesi dello studio?
Assolutamente sì. Le patologie della colonna vertebrale sono molto complesse da diagnosticare e da trattare e ciò può spiegare perché il medico non specialista chieda ancora aiuto alle indagini radiologiche e al trattamento con farmaci analgesici maggiori. Il fisiatra è invece un medico specialista che ha minore tendenza a prescrivere farmaci e radiografie, a differenza di altri specialisti che si occupano di chirurgia della colonna, come ortopedici e neurochirurghi, per i quali le indagini radiologiche e il trattamento farmacologico sono invece fondamentali per procedere nel trattamento.

Ma quali sono le cause più diffuse di lombalgia? Come riconoscerle e quando allarmarsi?
La diagnosi della comune lombalgia è un atto estremamente complesso: noi specialisti della colonna vertebrale diciamo che sono più di 800 possibili cause di mal di schiena. Per fortuna solo una piccola parte di queste sono gravi. I comuni metodi per individuarle si basano su anamnesi e visita clinica. Solo quando sono presenti sintomi che ci fanno allarmare è necessario ricorrere a ulteriori approfondimenti diagnostici.

In presenza del disturbo, a chi è meglio rivolgersi?
In caso di lombalgia acuta che non passa spontaneamente è opportuna una visita dal medico di famiglia; se gli episodi si presentano con maggiore frequenza, è opportuna una visita dal fisiatra.

Quale trattamento impostare?
Innanzitutto occorre classificare il disturbo. Se c'è infiammazione non può essere evitato l'uso di antinfiammatori. Se il disturbo di fondo è una contrattura muscolare, un problema posturale o una rigidità da mancanza d'esercizio, occorrono terapie di natura non farmacologica. Se infine alla base stano gravi danni strutturali, come una frattura vertebrale, un'ernia del disco espulsa o una grave stenosi, la terapia sarà chirurgica. Il fisiatra sarà comunque il medico in grado di dirigere l'orchestra dei tanti operatori che praticano terapia di colona vertebrale.

Tags:

Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Text neck: cos'è e come evitarlo
Scheletro e articolazioni
21 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Text neck: cos'è e come evitarlo
Artrite reumatoide: diagnosi e terapia
Scheletro e articolazioni
29 marzo 2021
Sintomi
Artrite reumatoide: diagnosi e terapia
Osteoporosi, fattori di rischio, diagnosi e trattamento
Scheletro e articolazioni
25 marzo 2021
Sintomi
Osteoporosi, fattori di rischio, diagnosi e trattamento