Claritromicina HCS

18 settembre 2020

Claritromicina HCS




Claritromicina HCS (claritromicina): Antibatterici macrolidi. A cosa serve Claritromicina HCS, come si usa, controindicazioni, confezioni e formulazioni disponibili, foglietto illustrativo.

Claritromicina HCS è un farmaco a base di claritromicina, appartenente al gruppo terapeutico Antibatterici macrolidi. E' commercializzato in Italia da KRKA Farmaceutici Milano S.r.l..


Confezioni e formulazioni di Claritromicina HCS (claritromicina) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Claritromicina HCS (claritromicina) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Claritromicina HCS (claritromicina) e perchè si usa


Claritromicina HCS compresse rivestite con film sono indicate per il trattamento delle seguenti infezioni batteriche negli adulti e nei bambini di 12 anni e oltre, quando causate da microorganismi suscettibili alla claritromicina (vedere paragrafi 4.4 e 5.1).

  • faringite batterica
  • lieve o moderata polmonite acquisita in comunità
  • sinusite batterica acuta (adeguatamente diagnosticata)
  • esacerbazione acuta della bronchite cronica
  • infezioni di gravità da lieve a moderata della pelle e dei tessuti molli
  • in appropriata associazione con i regimi terapeutici antibatterici e con un appropriato medicinale per la guarigione dell'ulcera, per l'eradicazione dell'Helicobacter pylori nei pazienti adulti con ulcere associate ad Helicobacter pylori (vedere paragrafo 4.2).
È necessario tenere in considerazione le linee guida ufficiali sull'uso appropriato degli agenti antibatterici, incluse le linee guida nazionali e locali.



Come usare Claritromicina HCS (claritromicina): posologia, dosi e modo d'uso


Posologia
La dose di Claritromicina HCS compresse rivestite con film dipende dal tipo e dalla gravità dell'infezione e deve essere determinata in ogni caso da un medico.

Pazienti con infezioni del tratto respiratorio/infezioni della pelle e dei tessuti molli
Adulti e adolescenti (12 anni e oltre)
La dose usuale raccomandata di claritromicina negli adulti è una compressa da 250 mg due volte al giorno.
Nelle infezioni più gravi, la dose può essere aumentata a 500 mg due volte al giorno. La durata usuale della terapia e 6 – 14 giorni.

Bambini di età inferiore a 12 anni
L'uso delle compresse di claritromicina non è stato studiato in bambini di età inferiore a 12 anni. Gli studi clinici sono stati condotti utilizzando una sospensione pediatrica di claritromicina in bambini di 6 mesi fino a 12 anni di età. Pertanto, i bambini sotto i 12 anni di età devono utilizzare la sospensione pediatrica di claritromicina (granuli per sospensione orale).

Eradicazione dell'H. pylori nei pazienti con ulcera duodenale (adulti):
La durata usuale del trattamento è di 6 – 14 giorni.

Terapia tripla:
Claritromicina (500 mg) due volte al giorno e lansoprazolo 30 mg due volte al giorno devono essere somministrati con amoxicillina 1000 mg due volte al giorno.

Terapia tripla:
Claritromicina (500 mg) due volte al giorno e lansoprazolo 30 mg due volte al giorno devono essere somministrati con metronidazolo 400 mg due volte al giorno.

Terapia tripla:
Claritromicina (500 mg) due volte al giorno e omeprazolo 40 mg una volta al giorno devono essere somministrati con amoxicillina 1000 mg due volte al giorno o metronidazolo 400 mg due volte al giorno.

Terapia tripla:
Claritromicina (500 mg) due volte al giorno devono essere somministrati con amoxicillina 1000 mg due volte al giorno e omeprazolo 20 mg una volta al giorno.

Terapia duplice:
La dose usuale di claritromicina è 500 mg tre volte al giorno. La claritromicina deve essere somministrata con omeprazolo 40 mg per via orale una volta al giorno.

Lo studio cardine è stato condotto con omeprazolo 40 mg una volta al giorno per 28 giorni. Studi a supporto sono stati condotti con omeprazolo 40 mg una volta al giorno per 14 giorni.

È necessario tenere in considerazione le linee guida nazionali per l'eradicazione di H. pilori.

Anziani: come per gli adulti.

Compromissione della funzionalità renale:
Nei pazienti con compromissione renale con clearance della creatinina minore di 30 ml/min, la dose di claritromicina deve essere ridotta della metà, per es. 250 mg una volta al giorno, o 250 mg due volte al giorno nei casi di gravi infezioni. In questi pazienti il trattamento non deve essere interrotto prima di 14 giorni.

Metodo di somministrazione:
La compressa deve essere ingerita intera con una sufficiente quantità di liquido (per es. un bicchiere di acqua).
Claritromicina HCS compresse rivestite con film può essere somministrato indipendentemente dall'assunzione di cibo.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Claritromicina HCS (claritromicina)


La claritromicina è controindicata nei pazienti con nota ipersensibilità al principio attivo claritromicina, agli altri macrolidi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

La somministrazione concomitante di claritromicina ed uno dei seguenti principi attivi è controindicata: astemizolo, cisapride, pimozide e terfenadina in quanto può determinare un prolungamento dell'intervallo QT e aritmia cardiaca, inclusi tachicardia ventricolare, fibrillazione ventricolare e torsioni di punta (vedere paragrafo 4.5).

La claritromicina non deve essere somministrata a pazienti con una storia di prolungamento dell'intervallo QT (congenito o documentato prolungamento dell'intervallo QT) o aritmia cardiaca ventricolare, inclusa torsioni di punta (vedere paragrafi 4.4 e 4.5).

La claritromicina non deve essere somministrata a pazienti con ipopotassiemia (rischio di prolungamento dell'intervallo QT).

È controindicata la somministrazione concomitante con ticagrelor o ranolazina.

È controindicata la somministrazione concomitante di claritromicina con ergotamina o diidroergotamina, poichè può provocare tossicità da ergot.

La claritromicina non deve essere somministrata in concomitanza a inibitori della HMG-CoA riduttasi (statine) che sono largamente metabolizzati dal CYP3A4 (lovastatina o simvastatina), a causa dell'aumento del rischio di miopatia, inclusa la rabdomiolisi (vedere paragrafo 4.5).

Come altri potenti inibitori del CYP3A4, la claritromicina non deve essere usata in pazienti che stanno assumendo colchicina.

La claritromicina non deve essere usata nei pazienti che soffrono di grave insufficienza epatica in associazione con compromissione renale.



Claritromicina HCS (claritromicina) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

La sicurezza dell'uso di claritromicina durante la gravidanza non è stata stabilita. Sulla base dei risultati variabili ottenuti dagli studi su topi, ratti, conigli e scimmie, non può essere esclusa la possibilità di effetti negativi sullo sviluppo embriofetale. Pertanto, l'uso durante la gravidanza non è raccomandato senza l'attenta considerazione dei benefici contro i rischi.

Allattamento

La sicurezza dell'uso di claritromicina durante l'allattamento di bambini non è stata stabilita. La claritromicina viene escreta nel latte umano.

Fertilità

Non ci sono dati disponibili sugli effetti della claritromicina sulla fertilità nell'uomo. Nei ratti, i dati limitati disponibili non indicano nessun effetto sulla fertilità.



Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube