Cloel

16 gennaio 2021

Cloel


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Cloel (cloperastina cloridrato)


Cloel è un farmaco a base di cloperastina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Antitussivi. E' commercializzato in Italia da Aesculapius Farmaceutici S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Cloel disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Cloel disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Cloel e perchè si usa


Sedativo della tosse.

Indicazioni: come usare Cloel, posologia, dosi e modo d'uso


Adulti: 5 ml tre volte al giorno.

Popolazione pediatrica:

tra 2 e 4 anni: 2 ml due volte al giorno;

tra 4 e 7 anni: 3 ml due volte al giorno;

tra 7 e 15 anni: 5 ml due volte al giorno.

Durata del trattamento: 7 giorni. Se non si notano risultati apprezzabili si consiglia di consultare il medico.

Alla confezione è annesso un misurino tarato da 2-3-5 ml.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Cloel


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Per l'assenza di studi nella primissima infanzia, il medicinale è controindicato nei bambini al di sotto dei 2 anni.

Generalmente controindicato in gravidanza (vedere "Uso durante la gravidanza e l'allattamento").

Cloel può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Sebbene gli studi di tossicità effettuati durante la gravidanza negli animali non abbiano evidenziato attività teratogena e tossicità fetale, il rischio di effetti dannosi a carico del feto a seguito di assunzione di cloperastina non può essere escluso. A scopo precauzionale, è preferibile evitare l'uso di Cloel durante la gravidanza.

Quali sono gli effetti indesiderati di Cloel


Gli effetti indesiderati sono classificati per sistemi e organi e per frequenza.

Le frequenze sono definite come: molto comune (≥ 1/10); comune (≥ 1/100, < 1/10), non comune (≥ 1/1.000, <1/100); raro (≥ 1/10.000, < 1/1.000); molto raro (< 1/10.000); non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Frequenza non nota:
  • Orticaria
  • Eritema
  • Alle dosi più elevate sono state segnalate secchezza della bocca e lieve sonnolenza che tuttavia scompaiono rapidamente riducendo la dose.
Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo: http://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa