Coryfin Mucolitico

15 giugno 2021

Coryfin Mucolitico


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Coryfin Mucolitico (carbocisteina)


Coryfin Mucolitico è un farmaco a base di carbocisteina, appartenente al gruppo terapeutico Mucolitici. E' commercializzato in Italia da LABORATORIO FARMACEUTICO S.I.T. S.r.l. . Specialità Igienico Terapeutiche

Confezioni e formulazioni di Coryfin Mucolitico disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Coryfin Mucolitico disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Coryfin Mucolitico e perchè si usa


Mucolitico, fluidificante nelle affezioni acute e croniche dell'apparato respiratorio.

Indicazioni: come usare Coryfin Mucolitico, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Adulti: 1 cucchiaio 3 volte al giorno.

Popolazione pediatrica

Bambini da 2 a 5 anni: 1 cucchiaino (5 ml) 2 volte al giorno.

Bambini da 5 a 10 anni: 1 cucchiaio (15 ml) 2 volte al giorno.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Coryfin Mucolitico


  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.
  • Ulcera peptica (ovvero del tratto digerente) in fase attiva.
  • Controindicato in gravidanza e allattamento (vedere paragrafo 4.6).
  • Il farmaco è controindicato nei bambini di età inferiore ai 2 anni.

Coryfin Mucolitico può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Sebbene il principio attivo non risulti né teratogeno né mutageno e non abbia mostrato effetti negativi sulla funzione riproduttiva nell'animale, non sono disponibili dati sul suo impiego nella gravidanza umana. Pertanto l'uso del medicinale è controindicato in gravidanza.

Poiché non sono disponibili dati relativi al passaggio di carbocisteina nel latte materno l'uso del medicinale è controindicato durante l'allattamento.

Quali sono gli effetti indesiderati di Coryfin Mucolitico


Possono verificarsi vertigini e fenomeni digestivi come gastralgia, nausea e diarrea. In questi casi è necessario ridurre la posologia o interrompere la terapia. Inoltre si possono verificare eruzioni cutanee allergiche e reazioni anafilattiche, eritema fisso. In tali casi interrompere il trattamento e consultare il medico per istituire una terapia idonea.

Ostruzione bronchiale, con frequenza non nota.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo: www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Covid-19, vaccini: secondo Siaaic sono sicuri per i malati autoimmuni
Malattie infettive
15 giugno 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, vaccini: secondo Siaaic sono sicuri per i malati autoimmuni
Covid-19, Green pass europeo: le indicazioni
Malattie infettive
14 giugno 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, Green pass europeo: le indicazioni
Covid-19, nuovo test salivare Spot
Malattie infettive
13 giugno 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, nuovo test salivare Spot