Crystalsol

18 gennaio 2021

Crystalsol


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Crystalsol (sodio cloruro + potassio cloruro + magnesio cloruro + sodio acetato + sodio gluconato)


Crystalsol è un farmaco a base di sodio cloruro + potassio cloruro + magnesio cloruro + sodio acetato + sodio gluconato, appartenente al gruppo terapeutico Soluzioni endovena elettrolitiche. E' commercializzato in Italia da Baxter S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Crystalsol disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Crystalsol disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Crystalsol e perchè si usa


Crystalsol è indicato:
  • per la reintegrazione di liquidi (per es. dopo ustioni, trauma cranico, frattura, infezione e irritazione peritoneale),
  • come reintegrazione intraoperatoria di liquidi,
  • nello shock emorragico e in condizioni cliniche che necessitino di rapide trasfusioni di sangue (compatibilità con il sangue),
  • nell'acidosi metabolica da lieve a moderata, anche in caso di compromissione del metabolismo del lattato.

Indicazioni: come usare Crystalsol, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia:

Adulti, anziani e adolescenti (dall'età di 12 anni in poi):

Il dosaggio e la velocità di somministrazione dipendono dall'età, dal peso, dalle condizioni cliniche e biologiche del paziente e dalla terapia concomitante.

Il dosaggio raccomandato è:
  • da 500 ml a 3 litri/24 ore
Velocità di somministrazione:

La velocità di infusione è in genere di 40 ml/kg/24 ore negli adulti, negli anziani e negli adolescenti.

Quando il medicinale è utilizzato per la reintegrazione intraoperatoria di liquidi, la velocità normale può essere più elevata ed è di circa 15 ml/kg/ora.

Uso nei pazienti geriatrici

Quando si sceglie il tipo di soluzione di infusione e il volume/la velocità di infusione per un paziente geriatrico, considerare che i pazienti geriatrici hanno in genere una maggiore probabilità di soffrire di malattie cardiache, renali, epatiche e di altro tipo o di essere trattati con una terapia farmacologica concomitante.

Uso nei pazienti pediatrici

La sicurezza e l'efficacia di Crystalsol nei bambini non sono state definite nel corso di studi adeguati e ben controllati. Il trattamento di pazienti pediatrici è descritto nella letteratura.

Il dosaggio varia con il peso:
  • 0-10 kg di peso corporeo: fino a 100 ml/kg/24 ore
  • 10-20 kg di peso corporeo: 1.000 ml + (50 ml/kg oltre 10 kg)/24 ore
  • >20 kg di peso corporeo: 1.500 ml + (20 ml/kg oltre 20 kg)/24 ore
La velocità di somministrazione varia con il peso:
  • 0-10 kg di peso corporeo: 6-8 ml/kg/ora
  • 10-20 kg di peso corporeo: 4-6 ml/kg/ora
  • >20 kg di peso corporeo: 2-4 ml/kg/ora
Modo di somministrazione:

La somministrazione avviene per via endovenosa.

La soluzione deve essere somministrata con un'apparecchiatura sterile utilizzando una tecnica asettica. È necessario eseguire il priming dell'apparecchiatura con la soluzione per prevenire l'ingresso di aria nel sistema.

La soluzione può essere somministrata prima, durante o dopo una trasfusione di sangue.

In considerazione della sua iso-osmolalità, la soluzione può essere somministrata in una vena periferica.

Prima della somministrazione, quando la soluzione e il contenitore lo permettano, la soluzione deve essere controllata per individuare l'eventuale presenza di particelle e scolorimento. Non somministrare se la soluzione non è limpida e se il sigillo non è intatto.

Non estrarre l'unità dall'involucro esterno fino al momento dell'uso. La sacca interna mantiene la sterilità della soluzione. Somministrare immediatamente dopo l'inserimento del set di infusione.

Non usare contenitori di plastica connessi in serie. Un uso di questo tipo può causare un'embolia gassosa dovuta all'aria residua aspirata dal contenitore primario prima del completamento della somministrazione del liquido dal contenitore secondario. La pressurizzazione delle soluzioni endovenose contenute nei contenitori di plastica flessibile per aumentare le velocità di flusso può provocare un'embolia gassosa se l'aria residua nel contenitore non viene completamente eliminata prima della somministrazione.

L'uso di un set di somministrazione endovenosa dotato di sfiato può causare un'embolia gassosa quando lo sfiato è in posizione aperta. I set di somministrazione endovenosa dotati di sfiato non devono essere usati con contenitori di plastica flessibile quando lo sfiato è in posizione aperta.

È possibile introdurre integrazioni prima dell'infusione o durante l'infusione attraverso il punto di iniezione.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Crystalsol


La soluzione è controindicata nei pazienti con:
  • Iperkaliemia
  • Insufficienza renale
  • Blocco cardiaco
  • Alcalosi metabolica o respiratoria
  • Ipocloridria
  • Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Crystalsol può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza e allattamento

Non sono disponibili dati adeguati sull'uso di Crystalsol soluzione per infusione in donne in gravidanza o che allattano al seno. I rischi e i benefici potenziali per ogni paziente specifica devono essere considerati con attenzione prima di usare Crystalsol soluzione per infusione in donne in gravidanza o che allattano al seno.

Fertilità

Non ci sono informazioni sugli effetti di Crystalsol soluzione per infusione sulla fertilità.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa