Epirubicina AHCL

27 febbraio 2020

Epirubicina AHCL




Epirubicina AHCL è un farmaco a base di epirubicina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Antineoplastici antibiotici citotossici. E' commercializzato in Italia da Accord Healthcare Italia S.r.l..


Confezioni e formulazioni di Epirubicina AHCL (epirubicina cloridrato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Epirubicina AHCL (epirubicina cloridrato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Epirubicina AHCL (epirubicina cloridrato) e perchè si usa


L'epirubicina è usata nel trattamento di una gamma di malattie neoplastiche, tra cui:

  • Carcinoma della mammella
  • Tumore gastrico
Quando è somministrata per via endovescicale, l'epirubicina ha dimostrato di essere vantaggiosa nel trattamento

  • Del carcinoma della vescica a cellule papillari transizionali
  • Del carcinoma in-situ della vescica
  • Della profilassi delle recidive del carcinoma superficiale della vescica dopo intervento di resezione transuretrale



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Epirubicina AHCL (epirubicina cloridrato)


L'epirubicina è controindicata in:

  • Pazienti che hanno mostrato ipersensibilità al principio attivo o a uno qualsiasi degli eccipienti, altre antracicline o antracendioni.
  • Allattamento.
Uso endovenoso:

  • Pazienti con persistente mielodepressione
  • Compromissione epatica grave
  • Insufficienza miocardica grave
  • Infarto miocardico recente
  • Grave aritmia
  • Precedenti trattamenti con dosi cumulative massime di epirubicina e/o altre antracicline e antracendioni (vedere paragrafo 4.4)
  • Pazienti con infezioni sistemiche acute
  • Angina pectoris instabile
  • Miocardiopatia.
Uso endovescicale:

  • Infezioni delle vie urinarie
  • Tumori invasivi che penetrano nella vescica
  • Problemi di cateterizzazione
  • Infiammazione della vescica
  • Ematuria



Epirubicina AHCL (epirubicina cloridrato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


(Vedere paragrafo 5.3)

Fertilità

L'epirubicina cloridrato può indurre danni cromosomici negli spermatozoi umani. Gli uomini in trattamento con l'epirubicina cloridrato devono usare metodi contraccettivi efficaci e, se del caso e disponibile, chiedere consiglio sulla conservazione dello sperma a causa della possibile, irreversibile infertilità causata da terapia.

L'epirubicina cloridrato può causare l'amenorrea o la menopausa prematura nelle donne pre-menopausali.

Gravidanza

I dati sperimentali su animali suggeriscono che l'epirubicina cloridrato può causare danno fetale quando somministrata a donne in gravidanza. Se l'epirubicina cloridrato viene utilizzato durante la gravidanza o se la paziente rimane incinta durante l'assunzione di questo farmaco, la paziente deve essere informata del potenziale rischio per il feto.

Non sono disponibili studi su donne in gravidanza. L'epirubicina cloridrato deve essere usata durante la gravidanza solo se il potenziale beneficio giustifica il rischio potenziale per il feto.

Allattamento

Non è noto se l'epirubicina cloridrato venga escreta nel latte materno umano. Poiché molti farmaci, incluse altre antracicline, sono escreti nel latte materno e poichè vi è la possibilità di gravi reazioni avverse da epirubicina cloridrato nei lattanti, le madri devono interrompere l'allattamento prima di assumere questo farmaco.



Epirubicina AHCL (epirubicina cloridrato) è utilizzato per la cura delle seguenti patologie:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube