Lisomucil tosse mucolitico

11 maggio 2021

Lisomucil tosse mucolitico


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Lisomucil tosse mucolitico (carbocisteina)


Lisomucil tosse mucolitico è un farmaco a base di carbocisteina, appartenente al gruppo terapeutico Mucolitici. E' commercializzato in Italia da Sanofi S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Lisomucil tosse mucolitico disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Lisomucil tosse mucolitico disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Lisomucil tosse mucolitico e perchè si usa


Terapia sintomatica delle affezioni dell'apparato respiratorio accompagnate da tosse e catarro.

Indicazioni: come usare Lisomucil tosse mucolitico, posologia, dosi e modo d'uso


L'uso di LISOMUCIL tosse mucolitico 750 mg/15 ml sciroppo è riservato agli adulti.

La posologia raccomandata è la seguente:

1 misurino dosatore o 1 cucchiaio (15 ml di prodotto pari a 750 mg di carbocisteina) 3 volte al giorno con un intervallo di 8 ore tra un'assunzione e l'altra.

Non superare le dosi consigliate.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Lisomucil tosse mucolitico


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Ulcera gastroduodenale. Gravidanza e allattamento.

Lisomucil tosse mucolitico può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Il prodotto è controindicato in caso di gravidanza e allattamento.

Quali sono gli effetti indesiderati di Lisomucil tosse mucolitico


Gli effetti indesiderati sono elencati in base alla seguente classificazione della frequenza:

Molto comune (≥ 1/10); comune (≥ 1/100, < 1/10); non comune (≥ 1/1000, < 1/100); raro (≥ 1/10.000, < 1/1000); molto raro (< 1/10.000), non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Disturbi del sistema immunitario:

frequenza non nota: reazione anafilattica.

Patologie gastrointestinali:

molto comune: diarrea, nausea e dolore addominale superiore

Frequenza non nota: vomito e sanguinamento gastrointestinale (In tal caso interrompere il trattamento e consultare il medico per istituire una terapia idonea).

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo:

frequenza non nota: Sindrome di Steven-Johnson, eritema multiforme, eruzione tossica cutanea; eruzione da farmaco, eruzione cutanea. In tali casi interrompere il trattamento e consultare il medico per istituire una terapia idonea.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Covid-19 e cure domiciliari: nuove linee guida
Malattie infettive
07 maggio 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19 e cure domiciliari: nuove linee guida
Covid-19: sono vaccinato. Posso togliere la mascherina?
Malattie infettive
05 maggio 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19: sono vaccinato. Posso togliere la mascherina?
Test rapidi antigenici, sono efficaci nel rilevare i positivi?
Malattie infettive
04 maggio 2021
Speciale Coronavirus
Test rapidi antigenici, sono efficaci nel rilevare i positivi?