Nirolex Tosse e Catarro

12 giugno 2021

Nirolex Tosse e Catarro


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Nirolex Tosse e Catarro (bromexina cloridrato)


Nirolex Tosse e Catarro è un farmaco a base di bromexina cloridrato, appartenente al gruppo terapeutico Mucolitici. E' commercializzato in Italia da Almus S.r.l. - Sede Operativa

Confezioni e formulazioni di Nirolex Tosse e Catarro disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Nirolex Tosse e Catarro disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Nirolex Tosse e Catarro e perchè si usa


NIROLEX TOSSE E CATARRO è indicato nel trattamento delle turbe della secrezione nelle affezioni respiratorie acute e croniche.

Indicazioni: come usare Nirolex Tosse e Catarro, posologia, dosi e modo d'uso


Si consigliano i seguenti dosaggi salvo diversa prescrizione medica:

Adulti: 1-2 cucchiaini da tè (5-10 ml) 3 volte al giorno (= 24 mg die). 

Negli adulti, all'inizio del trattamento, può essere necessario aumentare la dose totale giornaliera fino a 48 mg (60 ml) divisa in tre volte.

Bambini di età superiore ai 2 anni: 1/2-1 cucchiaino da tè (2,5 - 5 ml) 3 volte al giorno (= 12 mg die).

Si consiglia l'assunzione del farmaco dopo i pasti.

Lo sciroppo è somministrabile a diabetici e bambini di età superiore ai 2 anni, non contiene fruttosio né saccarosio.

Non superare le dosi consigliate.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Nirolex Tosse e Catarro


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

In caso di condizioni ereditarie che possono essere incompatibili con uno degli eccipienti, vedere paragrafo 4.4.

Non ci sono controindicazioni assolute, ma in pazienti con ulcera gastroduodenale se ne consiglia l'uso dopo aver consultato il medico.

Il farmaco è controindicato nei bambini di età inferiore ai 2 anni.

Controindicazioni durante l'allattamento, vedere paragrafo 4.6.

Nirolex Tosse e Catarro può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Usare il medicinale nei casi di effettiva necessità sotto il diretto controllo del medico. I risultati degli studi preclinici e l'uso clinico di NIROLEX TOSSE E CATARRO non hanno mostrato effetti negativi in gravidanza. È necessario comunque osservare le consuete precauzioni circa la somministrazione di farmaci in gravidanza, in particolare nel primo trimestre.

Poiché il farmaco passa nel latte materno, evitare la somministrazione in caso di allattamento.

Quali sono gli effetti indesiderati di Nirolex Tosse e Catarro


Sono stati riportati casi di diarrea, nausea, vomito e casi di altri lievi disturbi gastrointestinali.

La frequenza degli effetti indesiderati riportati sotto è definita come segue: raro (da ≥1/10.000 a <1/1.000); non nota (non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Raro: reazioni di ipersensibilità, rash, orticaria.

Non nota: ostruzione bronchiale, reazioni anafilattiche, tra cui shock anafilattico, angioedema e prurito, reazioni avverse cutanee gravi (tra cui eritema multiforme, sindrome di Stevens-Johnson/necrolisi epidermica tossica e pustolosi esantematica acuta generalizzata).

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci e integratori:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Covid-19: Alpha, Beta, Gamma e Delta i nuovi nomi delle varianti
Malattie infettive
07 giugno 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19: Alpha, Beta, Gamma e Delta i nuovi nomi delle varianti
Sars-CoV-2: ecco perché è diverso dagli altri coronavirus
Malattie infettive
27 maggio 2021
Speciale Coronavirus
Sars-CoV-2: ecco perché è diverso dagli altri coronavirus