Eco mammografia dopo fuoriuscita siero giallo capezzolo dx

30 agosto 2014

Eco mammografia dopo fuoriuscita siero giallo capezzolo dx




29 agosto 2014

Eco mammografia dopo fuoriuscita siero giallo capezzolo dx

Buongiorno dottore, mia figlia di 29 anni operata nel 2007 e poi nel 2009 di cisti benigne mammarie una volta al seno destro e una volta al seno sinistro, il giorno 17 agosto 2014 ha avuto una fuoriuscita di siero di colore giallo al capezzolo destro(unico episodio fino ad oggi 29/08/2014), preoccupate abbiamo fatto una ecografia dalla quale risulta:
Esiti di endonucleo-resezione a destra al QSE in pero-areolare con probabile allargamento di segni chirurgici in senso laterale, senza evidenza di falde fluide o masse occupanti spazio, nei limiti della metodica ecografica: regolare il restante profilo cutaneo e spazio adiposo peri-mammario.
Strutture parenchimo-stromali con predominanza delle componenti iper-ecogene dismogeneamente addensate, specie in retroareolare ed ai QQSSEE.
A destra al QE, ad ore 8, a circa 6 centimetri del capezzolo, si segnala la presenza di una formazione tenuamente ipoecogena ovalare, a margini regolari che non presenta né aumenti della vascolarizzazione all’esame color Doppler né attenuazione posteriore del fascio ultrasuono di 14x18x13 mm, da riferire in prima ipotesi a fibroadenoma o ad esiti flogistici aggregati.
Si segnalano alcune piccole formazioni cistiche(o formazioni cistico-duttali) diffuse ad ambi i lati, le maggiori a destra, ad ore12, a circa 2 centimetri dal capezzolo , scarsamente binoculata di 12x7x9 mm.
A sinistra al QSE, tra ore 1 ed ora 2 a circa 5 centimetri dal capezzolo, con scarsi e sottili pseudo-setti interni, di 11x3x10 mm.
Attualmente ad ambo i lati non si osservano significative dilatazioni dei dotti galattofori.
Non evidenza di elementi morfologici sospetti per malignità rilevabili ecograficamente.
In ascellare bilaterale presenza di alcune linfoghiandole con i caratteri ecografici della reattività e con ilo liposcherotico come da esiti flogistici( senza attuali segni ecografici di sospetto) le maggiori a destra di 23 mm a sinistra di 17 mm di diametro massimo
Si consiglia eco tra 3 mesi

Voleva chiedere se c’è qualcosa di cui preoccuparsi, la ringrazio
P. S. siamo molto in ansia

Grazie


Risposta del 30 agosto 2014

Risposta a cura di:
Dott.ssa MARIA LETIZIA PRIMO


GENTILE PAZIENTE IL LIQUIDO GIALLASTRO E L'ESITO ECOGRAFICO DEPONGONO PER UNA INFEZIONE PER LA QUALE GIUSTAMENTE E' STATA CONSIGLIATA UNA NUOVA ECOGRAFIA A TRE MESI. COMPRENDO LA PREOCCUPAZIONE MA AL MOMENTO NON VEDO SEGNI DI CUI PREOCCUPARSI. VISTA LA PATOLOGIA DI BASE POTREBBE ESSERE UTILE IN FUTURO UN REFERENTE SENOLOGO DI FIDUCIA DA CONSULTARE UNA VOLTA L'ANNO O CON TEMPI DECISI IN MODO CONCORDE
BUONA GIORNATA

Dott. Ssa Maria Letizia Primo
Specialista attività privata
Specialista in Medicina legale
Specialista in Psichiatria
Specialista in Scienza dell'alimentazione
Torino (TO)

Ultime risposte di Tumori




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube