Embolia polmonare

12 novembre 2014

Embolia polmonare




09 novembre 2014

Embolia polmonare

Lo scorso inverno mio zio di 64 anni fu ricoverato d'urgenza per embolia polmonare. Le prime analisi rivelarono che l'embolo era partito dalla gamba destra e non vi erano segni di neoplasia (nonostante qualche anno fa gli venne diagnosticato un tumore benigno alla prostata). Fu dimesso con una terapia anticoagulo. Da poco più di un mese avverte dolori al torace, simili a dolori intercostali, spossatezza, incapacità di rimanere in attività per lungo tempo e fiato corto. C'è un nuovo rischio di embolia polmonare? Quali sono le analisi da effettuare? Potrebbe consigliarci una struttura specializzata in queste malattie in Lombardia? Grazie

Risposta del 12 novembre 2014

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Se la terapia anticoagulante è sempre in corso e a dosi efficaci, è improbabile l' insorgenza di un altro embolo. L' esame più idoneo per accertarsene è la TAC polmonare. Non è necessario rivolgersi a strutture specializzate.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Ultime risposte di Cuore circolazione e malattie del sangue




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube